Caricamento in corso...
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare - Italiano rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare - Inglese rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare - Francese rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare - Spagnolo
763 risultati
https://www.rmix.it/ - PLASTIMAGEN. Fiera della Plastica in Messico
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare PLASTIMAGEN. Fiera della Plastica in Messico
Notizie Brevi

PLASTIMAGEN ® MEXICO Si stima che la domanda globale di prodotti in plastica continuerà ad aumentare, come risultato di uno sviluppo industriale dinamico, di nuovi standard di vita e di accesso ai beni di consumo più elevati da parte della popolazione. Pertanto, senza apportare cambiamenti profondi nel settore della della plastica, come l'economia circolare, la crescita della domanda si tradurrà in un aumento delle emissioni di carbonio derivanti dalla plastica.PLASTIMAGEN ® MEXICO presenta oltre 870 aziende che rappresentano oltre 1.600 marchi provenienti da più di 27 paesi, 14 padiglioni internazionali e il padiglione ANIPAC (l'Associazione nazionale delle industrie della plastica in Messico). Con più di 40.000 m2 di spazio espositivo PLASTIMAGEN ® MEXICO è la fiera della plastica più completa e importante dell'America Latina, un evento progettato per soddisfare le esigenze di oltre 28.000 visitatori che cercano soluzioni innovative per le loro aziende. PLASTIMAGEN ® MEXICO è la principale fiera del settore nella regione, dove i principali fornitori mondiali si riuniscono in un unico forum per fornire ai decisori chiave soluzioni all'avanguardia per: • Macchinari e attrezzature Materie prime Trasformazione di materie plastiche e prodotti in plastica Servizi per l'industria della plastica Per maggiori informazioni è a disposizione il sito internet di PLASTIMAGEN ® MEXICO

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - La Gestione dei Rifiuti nel Medioevo
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare La Gestione dei Rifiuti nel Medioevo
Economia circolare

A partire dal 1200 d.C. nacque l’esigenza di regolare nelle città il problema degli rifiuti domestici e produttividi Marco ArezioA partire dal Medioevo gli agglomerati urbani che crescevano sulla spinta di interessi commerciali, religiosi, produttivi o politici, iniziavano ad affrontare il problema della gestione dei rifiuti, in città di piccole dimensioni ma molto popolose. In “fai da te” non era più una soluzione accettabile. Quando parliamo di rifiuti ci vengono in mente subito immagini come la plastica, la carta, il vetro, il metallo delle lattine e gli scarti alimentari, che costituiscono il mix dei consumi degli imballi moderni. Niente di tutto questo nel medioevo, in quanto, per le tipologie di materie prime a disposizione e per l’abitudine ad usare un modello di economia circolare, che noi stiamo riscoprendo solo ora, che puntava al riutilizzo di tutto quello che si poteva riutilizzare, i rifiuti erano differenti. In cucina si buttava veramente poco, sia come materie prime fresche che come cibi avanzati, i quali, erano ricomposti abilmente in altre forme di alimentazione. Da qui nasce la caratterizzazione della “cucina povera” fatti di elementi freschi che venivano dalla campagna, che seguivano le stagioni, con cui si realizzano piatti non raffinati ma essenziali. Le materie prime di cui disponevano le persone erano fatte principalmente di legno, ceramica, stoffe, coccio, rame per le pentole e ferro per altre attrezzature. Tutte queste tipologie di materiali, a fine vita andavamo eliminate. Inoltre, in quel periodo, esisteva anche il problema dello smaltimento delle deiezioni, che costituivano un pericolo principalmente di tipo sanitario oltre che di decoro. Nelle città, per un certo periodo, si producevano anche prodotti come il pellame e il cuoio che creavano scarti solidi e liquidi altamente inquinanti e maleodoranti i quali creavano grandi problemi igienico-sanitari, tanto che poi, come vedremo più avanti, si decise di delocalizzare queste attività fuori dai centri urbani. Tutti questi rifiuti solidi venivano abbandonati lungo le strade, giorno dopo giorno, creando problemi per la salute della popolazione residente e di decoro per le città che incominciavano ad attrarre viandanti per affari o pellegrini per attività religiose. I rifiuti liquidi delle attività artigianali venivano smaltiti nei fossi, nei fiumi o nei campi direttamente senza troppi riguardi. A partire dal XII secolo d.C. la crescita demografica e artigianale delle città faceva nascere la voglia di primeggiare dal punto di vista dell’importanza sociale e della bellezza architettonica, mettendo in competizione una città con l’altra. Il miglioramento dell’aspetto estetico dei centri abitati doveva passare anche sulla riqualificazione delle strade cittadine che non potevano più ospitare ogni sorta di liquame, rifiuto e scarto di cui la cittadinanza si voleva disfare. Nasce così a Siena, per esempio, l’ufficio della “Nettezza Pubblica”, situato in piazza del Campo che, a partire dal 9 Ottobre 1296, iniziò ad appaltare la pulizia delle aree cittadine per la durata di un anno. L’appalto consisteva, non solo della pulizia delle strade con il diritto di trattenere tutti i rifiuti considerati in qualche modo riutilizzabili, ma anche la pulizia delle aree dei mercati con l’acquisizione della proprietà delle granaglie di scarto. Inoltre il comune affidava all’appaltatore una scrofa con i suoi piccoli, che lo aiutassero nella pulizia di ciò che era commestibile per i maiali. Per quanto riguarda le attività artigianali, la prima forma di regolamentazione della gestione dei rifiuti produttivi la troviamo nelle Costituzioni di Melfi, emanate nel 1231 da Federico II, che costituivano la prima raccolta di leggi in materia sanitaria. In particolare imponeva lo spostamento di produzioni nocive per la popolazione, come la concia delle pelli o la produzione di cuoio, all’esterno delle aree abitate. In altre zone geografiche, come a Friburgo, città medioevale fondata nel 1120, importante centro dell’area Germanica, vennero realizzati numerosi canali in cui era severamente vietato riversare immondizie da parte dei cittadini. Gli scarti solidi, prodotti dalle case e dalle attività artigianali, dovevano essere conferiti ai centri di raccolta stabiliti dalle autorità che, poi, provvedevano allo smaltimento gettandoli nel fiume Dreisam. Il sistema però, non sembrava realmente funzionare, in quanto i cittadini, il più delle volte gettavano i rifiuti nei vari canali evitandosi la strada verso i centri di raccolta.Categoria: notizie - storia - economia circolare - riciclo - rifiuti

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Anche i Cavalli Preferiscono gli Pneumatici Riciclati
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Anche i Cavalli Preferiscono gli Pneumatici Riciclati
Economia circolare

Abbiamo parlato negli articoli scorsi di come gli pneumatici riciclati vengano raccolti e riciclati per creare nuova materia prima e nuove applicazioni che aiutino la circolarità dei rifiutidi Marco ArezioCi siamo soffermati sui sistemi di riciclo che attualmente vengono impiegati per la trasformazione degli pneumatici a fine vita, ma anche di alcune applicazioni nel campo dell’edilizia, in particolare nel settore dell’isolamento acustico. Rotoli, lastre e polverino vengono impiegati per la fono-assorbenza e la fono-impedenza del rumore in modo da dare alle nostre case un confort abitativo migliore. Nell’esplorazione dei vari campi di applicazione della materia prima che deriva dal riciclo degli pneumatici oggi vediamo l'utilizzo nelle scuderie dei cavalli. Nei maneggi, il mantenimento della salute e il confort dei cavalli è un fatto cruciale e di importanza primaria per la buona gestione dell’impresa e degli animali. Questi due obbiettivi, spesso, si raggiungono evitando l’insorgere di problemi legati alle articolazioni e ai legamenti dei cavalli e all’eccessiva presenza di polvere nell’ambito di lavoro. Nelle stalle si sta diffondendo l’uso di pavimentazione realizzate con materiali elastici provenienti dalla lavorazione degli pneumatici esausti che vengono posati sotto forme di piastrelle o di agglomerati monolitici. I manufatti possono essere alloggiati sopra il normale pavimento in cemento di supporto, riducendo la presenza dei materiali da lettiera ed aumentando l’igiene del locale e dell’animale in quanto è molto più semplice ed efficace la pulizia. Anche nelle aree di trotto e corsa dei cavalli, che notoriamente sono composte solo da sabbia, si può sostituire una miscela di sabbia e granulo di gomma riciclata che ha lo scopo di abbattere la dispersione delle polveri nell’aria, polveri che possono creare patologie respiratorie sia per gli animali che i lavoratori che li accudiscono giornalmente. Queste patologie possono presentarsi sotto forma di silicosi a seguito di una prolungata inspirazione delle micro polveri causate dall’azione dinamica degli zoccoli dei cavalli sui terreni sabbiosi. Un confort, un’igiene e uno stato di salute migliore per animali e lavoratori dei maneggi, attraverso l’uso delle pavimentazioni e dei compound contenenti gli pneumatici riciclati, è un fatto importante, ma molto più lo è, come per tutti i rifiuti che produciamo, quello di riutilizzarli, sotto forma di nuovi prodotti riciclati per ridurre i materiali destinati alla discarica o alla termovalorizzazione, per il benessere di tutti e del pianeta.Categoria: notizie - plastica - economia circolare - riciclo - rifiuti - pneumatici - cavalli Vedi maggiori informazione sui cavalli

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - rMIX il Portale del Riciclo: Newsletter 41221
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare rMIX il Portale del Riciclo: Newsletter 41221

Il portale del riciclo rMIX, nella sua newsletter n° 41221, propone un'offerta relativa ad un granulo in rPET neutro per la produzione di articoli trasparenti.In un altro post troviamo i suggerimenti sull'utilizzo della gascromatografia a mobilità ionica per codificare, in modo analitico attraverso l'analisi chimica dei vapori, l'origine degli odori nelle materie plastiche riciclate.Successivamente viene proposto un contatto di un'azienda la cui attività riguarda l'importazione e la distribuzione sul territorio Egiziano dei polimeri plastici vergini e riciclati.Per quanto riguarda la carta da macero è presente un operatore del settore che importa e distribuisce carta da riciclo per le cartiere.In merito ai prodotti plastici fatti con polimeri riciclati, vengono proposte tre aziende, una che produce tappeti attraverso l'uso del polipropilene riciclato, un'altra che produce, utilizzando il polipropilene vergine e riciclato la produzione di sacchetti, film e corde e l'ultima che produce tubi lisci utilizzando il granulo in PVC.Per quanto riguarda la sezione del riciclo del vetro viene proposta un'azienda che produce una schiuma di vetro per l'isolamento termico.Infine, per il settore del legno riciclato, troverete un link con un'ampia panoramica sulle proposte inerente a questo settore.

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - rNEWS: La Società Constellium Aumenterà il Riciclo dell'Alluminio
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare rNEWS: La Società Constellium Aumenterà il Riciclo dell'Alluminio
Notizie Brevi

Il riciclo dell'alluminio è un'attività fondamentale nel campo dell'economia circolare, permettendo di rimettere in produzione, in modo continuativo, i prodotti a fine vita. Anche la società francese Constellium, come ci racconta A. Jadoul, ha deciso di incrementare il riciclo dell'alluminio nei suoi siti produttivi.Il gruppo che si occupa di alluminio vuole aumentare le proprie capacità di almeno 60.000 tonnellate all'anno per servire i mercati del packaging e dell'automotive. Constellium vuole aumentare i suoi volumi di riciclaggio dell'alluminio in Europa. Il gruppo francese ha annunciato l'intenzione di aggiungere almeno 60.000 tonnellate all'anno alle sue attuali capacità, che raggiungono circa 560.000 tonnellate in tutto il mondo. Questa produzione sarà destinata ai suoi clienti del settore automobilistico e del packaging. “L'alluminio è l'epicentro di diversi mega trend di sostenibilità nei nostri mercati finali del packaging, automobilistico e dei trasporti. Di conseguenza, i nostri clienti richiedono sempre più prodotti che siano prodotti in modo sostenibile e responsabile. Riteniamo che questo investimento consentirà a Constellium di espandere la sua offerta di prodotti a basse emissioni di carbonio per soddisfare le esigenze dei suoi clienti ", afferma Jean-Marc Germain, CEO del gruppo. Constellium prevede di finalizzare l'ambito e l'ubicazione del progetto entro la fine del 2021, in base agli progetti di ingegneria e dell'ottenimento delle autorizzazioni richieste. La produzione dovrebbe iniziare entro due anni dall'inizio della costruzione. Per ora, la principale unità di riciclaggio delle lattine del gruppo si trova a Neuf-Brisach (Haut-Rhin), in Francia. Un circuito chiuso per lattine Gli esperti ricordano che le lattine di alluminio dei contenitori per le bevande più riciclate, “rinascono all'infinito in un processo 'a circuito chiuso' che le rimette sugli scaffali in 60 giorni” . "Nell'industria automobilistica e dei trasporti, l'alluminio aiuta a far progredire la mobilità verde migliorando il risparmio di carburante, riducendo le emissioni di CO2, aumentando la gamma dei veicoli elettrici e migliorando la sicurezza", aggiungono. E per specificare che l'alluminio è infinitamente e facilmente riciclabile, il 75% di tutto l'alluminio mai prodotto viene utilizzato ancora oggi. Gruppo di lavorazione dell'alluminio presente principalmente nei settori aeronautico, automobilistico e del packaging, Constellium ha realizzato nel 2019 un fatturato di 5,9 miliardi di euro, con una forza lavoro di 13.000 persone e 25 stabilimenti.Categoria: notizie - alluminio - economia circolare - rifiuti - metalli

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Flaconi in HDPE Riciclato: Come Gestire i Difetti di Superficie
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Flaconi in HDPE Riciclato: Come Gestire i Difetti di Superficie
Informazioni Tecniche

Come risolvere i problemi estetici nella produzione di flaconi in HDPE riciclatodi Marco ArezioLa produzione di flaconi per la detergenza, per i liquidi industriali ed agricoli, fino a poco tempo fa venivano prodotti con materiali vergini nonostante alcune forme e colori consentivano l’uso di un granulo in HDPE riciclato. L’impatto mediatico dell’inquinamento da plastica dispersa dall’uomo nell’ambiente, ha fatto muovere le coscienze dei consumatori mettendo sotto pressione gli stati, che si occupano della legislazione ambientale, ma anche i produttori delle sostanze contenute nei flaconi che non possono, per questioni commerciali, perdere il consenso dei propri clienti finali. La richiesta di HDPE rigenerato per soffiaggio ha avuto una forte impennata negli ultimi, trovando sicuramente, una parte dei produttori, non totalmente preparati a gestire il granulo riciclato nelle proprie macchine. Non è stata solo una questione di tipologia di granulo che può differire leggermente, dal punto di vista tecnico, dalle materie prime vergini nel comportamento in macchina, ma si sono dovute affrontare problematiche legate alla tonalità dei colori, allo stress cracking, alla tenuta delle saldature, ai micro fori e ad altre questioni minori. In articoli precedenti abbiamo affrontato la genesi dell’HDPE riciclato nel soffiaggio dei flaconi e la corretta scelta delle materie prime riciclate, mentre oggi vediamo alcuni aspetti estetici che potrebbero presentarsi usando il granulo riciclato in HDPE al 100%. Ci sono quattro aspetti, dal punto di vista estetico, che possono incidere negativamente sul buon risultato di produzione: 1) Una marcata porosità detta “buccia d’arancia” che si forma prevalentemente all’interno del flacone ma, non raramente, è visibile anche all’esterno. Si presenta come una superficie irregolare, con presenza di micro cavità continue che danno un aspetto rugoso alla superficie. Normalmente le problematiche sono da ricercare nel granulo, dove una possibile presenza eccessiva di umidità superficiale non permette una perfetta stesura della parete in HDPE in uscita dallo stampo. In questo caso il problema si può risolvere asciugando il materiale in un silos in modo che raggiunga un grado di umidità tale per cui non influirà negativamente sulle superfici. In linea generale è sempre un’operazione raccomandata quando si vuole produrre utilizzando al 100% un materiale rigenerato. 2) Le striature sul flacone sono un altro problema estetico che capita per ragioni differenti, specialmente se si utilizza un granulo già colorato. Le cause possono dipendere da una percentuale di plastica diversa all’interno del granulo in HDPE, anche in percentuali minime, tra il 2 e il 4 %, in quanto, avendo le plastiche punti di fusione differenti, il comportamento estetico sulla parete del flacone può essere leggermente diverso, andando ad influenzare il colore nell’impasto. E’ importante notare che non si devono confondere le striature di tonalità con le striature di struttura, le quali sono normalmente creare dallo stampo del flacone a causa di usura o di sporcizia che si accumula lavorando. Un altro motivo può dipendere dalla resistenza al calore del master che si usa, in quanto non è infrequente che a temperature troppo elevate, sia in fase di estrusione del granulo che di soffiaggio dell’elemento, si possa creare un fenomeno di degradazione del colore con la creazione di piccole strisciate sulle pareti del flacone. 3) Una perfetta saldabilità in un flacone è di estrema importanza in quanto un’eventuale distacco delle pareti, una volta raffreddato e riempito il flacone, comporta danni seri con costi da sostenere per la perdita dell’imballo, delle sostanze contenute e della sostituzione del materiale con costi logistici importanti. Il flacone appena prodotto normalmente non presenta il possibile difetto in quanto la temperatura d’uscita dalla macchina “nasconde” un po’ il problema, ma una volta che la bottiglia si è raffreddata, riempita e sottoposta al peso dei bancali che vengono impilati sopra di essa, un difetto di saldatura si può presentare in tutta la sua problematica. La causa di questo problema normalmente deve essere ricercata nella percentuale di polipropilene che il granulo in HDPE può contenere a causa di una selezione delle materie prime a monte della produzione del granulo non ottimale. Una scadente selezione dei flaconi tra di essi, ma soprattutto dai tappi che essi contengono, possono aumentare la quota percentuale di polipropilene nella miscela del granulo. Esistono in commercio macchine a selezione ottica del macinato lavato che aiutano a ridurre in modo sostanziale questa percentuale, potendola riportare sotto 1,5-2%. Al momento dell’acquisto del carico di HDPE riciclato è sempre buona cosa chiedere un test del DSC per controllare la composizione del granulo per la produzione. L’effetto di una percentuale di PP eccessiva ha come diretta conseguenza l’impedimento di una efficace saldatura delle superfici di contatto che formano il flacone. Oltre ad intervenire sul granulo sarebbe buona regola, se si desiderasse utilizzare al 100% la materia prima riciclata, aumentare leggermente lo spessore di sovrapposizione delle due lati del flacone per favorirne il corretto punto di saldatura. 4) La presenza di micro o macro fori in un flacone, visibili direttamente attraverso un’ispezione o, per quelli più piccoli, tramite la prova della tenuta dell’aria, possono dipendere dalla presenza di impurità all’interno del granulo, quando il lavaggio e la filtratura della materia prima non è stata fatta a regola d’arte. Un altro motivo può dipende da una scarsa pulizia della vite della macchina soffiatrice che può accumulare residui di polimero degradato e trasportarli, successivamente, all’esterno verso lo stampo. Specialmente se si usano ricette con carica minerale è possibile che si presenti il problema subito dopo il cambio della ricetta tra una senza carica a una che la contenga. L’utilizzo di ricette miste tra materiale vergine e rigenerato può mitigare alcuni di questi punti ma non risolvere totalmente gli eventuali problemi se non si ha l’accortezza di seguire la filiera della fornitura del granulo riciclatoCategoria: notizie - tecnica - plastica - riciclo - HDPE - flaconi - soffiaggio

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Granulo riciclato in pp/pe da post consumo: un matrimonio quasi perfetto
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Granulo riciclato in pp/pe da post consumo: un matrimonio quasi perfetto
Informazioni Tecniche

Polipropilene e polietilene da post consumo sembra non possano convivere, ma non è sempre cosìdi Marco ArezioA volte anche le copie più diverse, con attitudini e caratteristiche lontane, con temperature caratteriali agli opposti, con tenacità e debolezze differenti, nella loro unione trovano un equilibrio. Anche il PP/PE questo equilibrio sembra averlo trovato. Nel campo dei polimeri che derivano dalla raccolta differenziata esistono delle famiglie che sono composte da due o più polimeri differenti, come per esempio l’unione tra il polietilene e il polipropilene. Apparentemente sembrano due mondi molto lontani tra loro che, per necessità di consumo dei rifiuti plastici, si è arrivati ad attribuire al nuovo compound una posizione nel mercato dei polimeri. La materia prima che costituisce questa unione, derivando dall’input della raccolta differenziata, si presenta normalmente già miscelata, ed è costituita da parti rigide e da parti flessibili dello scarto plastico domestico. Nel corso degli anni questo mix “naturale” si è molto modificato, in quanto è stato necessario estrarre dalle balle dei rifiuti, una quota sempre più lata di plastiche nono componenti, come il polipropilene, il polietilene di alta e bassa densità. Infatti si è puntato molto sull’estrazione della frazione di polipropilene per destinarlo ad un mercato autonomo. Quello che oggi è definito PO o PP/PE è la parte risultante dei processi di selezione degli scarti plastici derivanti dalla raccolta differenziata, ed è costituito da circa il 30-40% di polipropilene e la restante parte è prevalentemente LDPE. Rispetto ad una decina di anni fa, la base odierna del PO, o PP/PE, è sicuramente meno performante, in quanto il comportamento del polipropilene sulla componente di polietilene di bassa densità, è di difficile gestione, sia in fase di stampaggio che nel risultato estetico dei prodotti finali. Se partiamo dalla considerazione che ci suggerisce l’economia circolare, secondo la quale ai rifiuti plastici dobbiamo trovare, in ogni caso, una collocazione di riutilizzo, anche questo mix povero di PP/PE, con un po’ di buona volontà, può essere utilizzato in molti settori. Il polipropilene contenuto nel mix porta con sé essenzialmente le caratteristiche di rigidità e fluidità, mentre l’LDPE porta con sé la flessibilità e la fusione alle basse temperature. L’antagonismo delle loro caratteristiche avranno conseguenze in fase di stampaggio e di qualità del manufatto se non si interviene durante la produzione del granulo. Per creare una corretta famiglia di PP/PE adatta a molte applicazioni, che tenga conto di differenti fluidità richieste dal mercato, di corrette temperature sia in fase di estrusione del granulo che in fase di stampaggio, di buone resistenze in termini di modulo e IZOD, compatibilmente con il prodotto di qualità bassa di cui stiamo parlando, diventa necessario, a volte, modificare le ricette dei granuli: Il primo intervento che si dovrebbe fare è operare sul bilanciamento tra PP e LDPE, attraverso una quota di HDPE che mitiga la problematica della differenza di temperatura di fusione dei due materiali originari. Questo migliora la stampabilità ma anche la riduzione di possibili striature sulle superfici dei prodotti.Se si desidera aumentare la fluidità del compound che si vuole ottenere, la componente di PP può essere incrementata, in quanto il contributo delle frazioni di LDPE e HDPE da post consumo, in termini di MFI, rimarranno limitate. L’incremento della percentuale di PP all’interno della ricetta è comunque da monitorare, in quanto porta ad un aumento della vetrosità del prodotto finale e riduce la sua resistenza al freddo.Se si desidera aumentare la flessibilità a freddo si può giocare sulla componente LDPE/HDPE, considerando le giuste percentuali in funzione delle richieste estetiche, sul grado di flessibilità e sugli spessori dei prodotti da realizzare.Se si vogliono realizzare colorazioni del manufatto, di solito con tonalità scure, è sempre consigliabile aggiungere del masterbach, per i polimeri rigenerati, in fase di estrusione del granulo. Questo perché la dispersione del colorante in un estrusore con una vite lunga porta delle efficienze estetiche migliori. In questo caso dobbiamo considerare che la quota di LDPE, che è quella più a rischio per un’eventuale fenomeno di degradazione sotto l’effetto delle temperature di lavorazione, dovrebbe rimanere la più bassa possibile per evitare danni estetici alle colorazioni del prodotto. Per quanto riguarda l’uso dei masterbach, visto che anche questi prodotti possono essere a rischio di degradazione in fase di estrusione del granulo o durante lo stampaggio, è buona cura assicurarsi a quali temperature massime possono resistere senza alterarsi.Se si vuole aumentare la rigidità dei manufatti si può ricorrere alle cariche minerali, siano esse carbonato di calcio o talco, che possono dare una maggiore robustezza ai prodotti dal punto di vista della resistenza a compressione. Bisogna stare attenti però al comportamento a flessione, in quanto, già di per sé il PP/PE ha un basso valore di resistenza a flessione e l’aggiunta di percentuali eccessive ci cariche minerali ne peggiora la flessibilità. L’utilizzo di questa famiglia di compound in PP/PE ha trovato un largo consenso sul mercato per la produzione di manufatti non estetici e dal costo contenuto. I principali settori di utilizzo sono: Edilizia con la realizzazione di distanziatori per ferri di armatura, canaline non carrabili per l’acqua, protezione copri ferro, secchi, vespai in plastica, grigliati erbosi carrabili, cisterne componibili drenanti da interro e altri prodotti.La logistica con la produzione di bancali, casse da trasporto, armature per bancali, tappi per bidoni e altri prodotti.L’agricoltura con i ganci per l’orticultura, i vasi, le cassette monouso per la frutta e la verdura, pali per le culture e altri prodotti.L’arredo da giardino con la produzione di divani e poltrone in rattan plastico, piccoli mobili, sedie da esterno economiche e altri prodotti.Il settore della pulizia con il supporto per le setole delle scope, i secchielli di piccole dimensioni, le palette e altri prodotti.Categoria: notizie - tecnica - plastica - riciclo - polimeri - post consumo - granuli - PP/PE

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Il Riciclo Industriale Iniziò nel XVIII° Secolo con le Prime Attività Produttive
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Il Riciclo Industriale Iniziò nel XVIII° Secolo con le Prime Attività Produttive
Economia circolare

Le scoperte nel campo chimico avviarono produzioni industriali in molti campi e con esse la necessità di riutilizzare i rifiutidi Marco ArezioLa rivoluzione chimica, che a partire dal 1700 interesserò le nazioni europee più progredite, pose in evidenza i primi problemi ambientali creati dagli scarti delle produzioni chimiche. Iniziò in quel periodo, insieme alle nuove scoperte, la ricerca di riutilizzo dei rifiuti prodotti dall’uomo. Il primo processo chimico industriale, in senso moderno, è stato quello inventato nel 1791, dal chimico francese Nicolas Leblanc (1742-1806), per la produzione del carbonato sodico in due passaggi. Leblanc ebbe, tuttavia, una vita lavorativa travagliata in quanto le sue ricerche furono finanziate inizialmente dal Duca di Orleans Filippo Egalité, con la speranza di poter vincere il premio messo in palio dall’Accademia delle Scienze Francesi per poter iniziare quindi una produzione industriale. Tuttavia nel 1793 il Duca venne giustiziato e i brevetti di Leblanc non furono riconosciuti validi, ricevendo anche la confisca dello stabilimento di produzione e il rifiuto del premio sperato. Nonostante Napoleone nel 1802 gli restituì la fabbrica, senza premio in denaro, Leblanc non ebbe le forze economiche per ripartire e nel 1806 di suicidò. La prima fase del processo di produzione del metodo Leblanc consisteva nel trattare il cloruro di sodio con acido solforico, il quale si formava in solfato di sodio, creando un rifiuto sotto forma di acido cloridrico gassoso, che per molto tempo fu rilasciato in atmosfera con gravi problemi verso le popolazioni che abitavano nelle vicinanze delle fabbriche e con la distruzione della vegetazione circostante. Il secondo passaggio consisteva nello scaldare il solfato di sodio con carbone e carbonato di calcio, miscela con la quale si otteneva il carbonato di sodio e il solfuro di calcio, poco solubile in acqua, che rappresentava il rifiuto solido del processo e veniva scartato costituendo mucchi all’aria aperta. Durante l’esposizione alle piogge, si liberava idrogeno solforato, gas nocivo e puzzolente. Gli abitanti iniziarono forme di protesta degne di nota contro l’inquinamento atmosferico, creando di fatto le prime contestazione ecologiche, che spinsero gli industriali della soda a cercare delle soluzioni al problema. In quell’occasione l’industria chimica scoprì che dai rifiuti era possibile recuperare qualcosa di utile e vendibile, infatti dall’acido cloridrico era possibile ottenere cloro, una merce che si capì che aveva un suo mercato finale e dal solfuro di calcio era possibile recuperare zolfo, che sarebbe stato vendibile alle fabbriche di acido solforico. Nel XIX° secolo, periodo in cui iniziò a fiorire l’industria pesante dell’acciaio, l’inventore francese Pierre Émile Martin (1824-1915) nel 1865 mise a punto un forno che poteva decarburare la ghisa su larga scala e poteva essere caricato con ghisa fusa ma anche con i rottami di ferro. Nel corso dell’Ottocento infatti, tali rottami si stavano accumulando a seguito della sostituzione dei vecchi macchinari con quelli nuovi, cosi questi rifiuti diventarono materie prime seconde, come le chiamiamo oggi. Il XX° secolo ha visto il progresso industriale crescere in modo continuo e vorticoso, passando da due guerre mondiali, una grande crisi economica-industriale, la conquista dello spazio, le nuove tecnologie, il benessere diffuso, la guerra fredda con la corsa alla creazione degli arsenali atomici, lo spostamento per lavoro e per turismo di grandi masse di persone attraverso l’industria aeronautica, lo sviluppo dei satelliti e le tecnologie legate alla comunicazione hanno alimentato un nuovo mercato di apparecchi, spinti anche dalla nuova intelligenza artificiale che ci fa comunicare attraverso i computers. Tutto questo progresso ha creato un numero crescente di rifiuti che nel passato erano abbandonati in modo superficiale nelle discariche, sulle quali venivano create graziose collinette cosparse di alberi, ma nel sottosuolo non ci si preoccupava di sapere se i rifiuti interrati continuassero a rilasciare i loro veleni. Si capì, più tardi, che molti rifiuti pericolosi continuavano a vivere e ad interagire negativamente con l’ambiente, per cui si iniziò a creare delle linee guide su come isolare le discariche da eventuali perdite di liquami tossici. Qualsiasi sforzo fatto per “nascondere” i rifiuti sembrava vano visto la continua crescita di merce dello scarto e, quindi, si iniziò a parlare di riciclo e termodistruzione. Se la strada di bruciare i rifiuti sembrava fosse comoda e “purificatrice”, ci si accorse ben presto che l’inquinamento espresso da un rifiuto solido pericoloso non sublimava con il fuoco, ma veniva solamente trasformato da solido in fumi, andando ad inquinare l’aria e, a cascata con le piogge, i terreni. Si dovette arrivare alle nuove generazioni di termovalorizzatori per risolvere questo problema ambientale e creando nello stesso modo energia elettrica rinnovabile. Il riciclo meccanico fu allora il solo mezzo per recuperare e riutilizzare i rifiuti che si accumulavano, ma ci volle molto tempo perché i governi e la popolazione capissero che si doveva iniziare con la raccolta differenziata e che l’industria aveva bisogno di normative precise per produrre arrecando i danni minori possibili all’ecosistema. Il futuro del riciclo si raggiungerà con l’integrazione tra processi meccanici, chimici, coadiuvati dalle energie rinnovabili.Categoria: notizie - plastica - economia circolare - rifiuti - storiaImmagine: Vernet, Claude Joseph – Seaport by Moonlight – 1771

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - La Conoscenza della Chimica di Base Può Influenzare le Vendite nel Settore della Plastica
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare La Conoscenza della Chimica di Base Può Influenzare le Vendite nel Settore della Plastica
Management

Nonostante si pensi che i polimeri siano una commodity, conoscere un po' di chimica aiuterebbe il tuo lavorodi Marco ArezioIl settore della plastica è composto da molte ramificazioni, dalle macchine ai polimeri, dai prodotti finiti alla ricerca e sviluppo, dagli additivi alla tecnologia di controllo dei processi, solo per citarne alcune.Servizi, prodotti e macchine sono indirizzati tutti all’uso della plastica riciclata o vergine, per realizzare, nel modo migliore, al prezzo più basso e nel minor tempo, un mercato che possa sostenere l’azienda. Le attività di vendita sono solo la parte finale di un processo svolto dall’azienda per portare sul mercato una serie di prodotti, creando profitto e permettendo la continuità produttiva o distributiva. Ma se è vero che le risorse umane destinate a realizzare un prodotto in plastica devono avere competenze anche tecniche, in merito ai processi e ai materiali impiegati, si tende a non considerare la qualità delle conoscenze tecniche di chi è addetto al settore commerciale. Le competenze per la vendita di un prodotto o di un servizio sono spesso associate, ancora, alla qualità caratteriale dei venditori, alla loro intraprendenza, alle loro doti di convincimento, alla loro empatia, cortesia, simpatia e al carisma che il carattere di ognuno riesce a produrre sul cliente finale. In realtà, molto di quanto sopra descritto è vero ed aiuta sicuramente nel proprio lavoro, ma il mondo dei prodotti che ruotano intorno alle materie plastiche, ha l’esigenza di essere gestito da personale che possa avere una conoscenza della chimica di base e della meccanica di produzione. E se, per quanto riguarda la parte di approfondimento sui sistemi di produzione della propria azienda possono, attraverso un’infarinatura, migliorare la professionalità del venditore o dell’addetto post vendita, la conoscenza della chimica di base può rendere più efficace l’azione di vendita e permette di gestire in modo più competente l’insorgere di eventuali problemi. Tuttavia, la conoscenza della chimica di base non è utile solo per le materie prime plastiche, ma anche per migliorare la conoscenza delle reazioni termiche, oleodinamiche ed elettriche degli impianti che l’azienda usa. L’intento non è quello di spiegare, qui, i concetti della chimica di base, ma dare degli spunti di approfondimento su argomenti che potrebbero essere utili per la propria professione nelle vendite o nel post vendita. Parlando di chimica di base possiamo accennare all’importanza degli atomi e delle molecole, infatti un atomo non è che la parte più piccola di una sostanza, che può essere solida, alla temperatura della superficie terrestre, liquida o gassosa. Gli elementi possono avere differenti quantità di particelle e hanno posizioni fisiche differenti, infatti, i protoni e i neutroni sono nel nucleo dell'atomo, mentre gli elettroni girano intorno al nucleo respingendosi a vicenda. Le molecole sono le combinazioni di elementi semplici che troviamo in natura o che possiamo sintetizzare. Possono essere diversi elementi come acqua o anidride carbonica ed, alcuni, non sono così semplici. Inoltre, l'ossigeno e gli altri gas reattivi girano in coppia finché non trovano qualcosa con cui reagire: l'ossigeno nell'aria che respiriamo, ad esempio, reagisce con i nutrienti che mangiamo e digeriamo. Questa introduzione sugli atomi e i loro composti, porta a comprendere come nasce l’elettricità che è costituita dal movimento di elettroni in eccesso su una superficie, infatti, l’energia elettrica si basa sul movimento degli elettroni attraverso i conduttori (solitamente metalli) e richiede energia per spingere quegli elettroni attraverso la resistenza del conduttore. Nel lavoro utilizziamo frequentamene l’acqua che, nello specifico non è un elemento ma un composto, la combinazione magistrale tra due idrogeni e un ossigeno, così come può essere interessante approfondire la conoscenza dei metalli che si usano nelle lavorazioni delle materie plastiche. Infatti, molti metalli sono elementi, come il ferro, il rame, l’oro, il piombo e alluminio, ma alcuni sono leghe (zinco + rame = ottone, stagno + rame = bronzo) e alcuni sono un elemento che è stato lavorato, in particolare il ferro con l'acciaio. Alcuni si trovano in natura come elementi, ma la maggior parte si trova come composti (minerali) e alcuni, come il sodio e il calcio, sono così reattivi che non si trovano mai non combinati, come, per esempio, il cloruro di sodio o sale comune. Gli elementi come il carbonio e il silicio sono estremamente abbondanti, solitamente legati con altri elementi. Le combinazioni di carbonio sono la base della chimica organica e formano le molecole degli esseri viventi così come la maggior parte delle materie plastiche. Per arrivare fino alla fine di questa carrellata, capire come questi elementi di chimica di base, da approfondire a vostro piacimento, possano avere un nesso con le materie plastiche, dobbiamo parlare dell’ultima voce importante che è l’aria, che non è un elemento, ma una miscela di 78% di azoto, 21% di ossigeno, 1% di argon (inerte), e un po' di anidride carbonica e acqua (non inerte e molto importante nonostante le loro basse percentuali). Tornando al mondo delle materie plastiche possiamo dire che i polimeri sono formati da molecole differenti, i cui legami e le cui ramificazioni possono far mutare il polimero stesso sotto diversi punti di vista. Per esempio, le molecole di etilene e cloruro di vinile (PVC), la parti costituenti di due famiglie di plastiche molto comuni, possono avere un doppio legame, possibile perché un atomo di carbonio ha quattro braccia e può trattenere un altro carbonio con due di essi, lasciando che gli altri due contengano idrogeni, ossigeni, cloro o altro. Questi doppi legami sono reattivi, quindi uno può rompersi mentre l'altro rimane stabile, in questo modo, è possibile creare lunghe catene se l'etilene (o il cloruro di vinile) viene mantenuto alla giusta temperatura e pressione per un tempo sufficiente. Le molecole possono diventare molto più complicate, con ramificazioni e/o più di un monomero, e alcune plastiche estrudibili, come PET, PC e nylon, sono diverse, ma seguono comunque la stessa idea. Piccole molecole si uniscono per formarne di grandi e lunghe. L’approfondimento degli spunti sulla chimica di base, qui citati, può essere accoppiato ad una conoscenza dei flussi dinamici nelle macchine per la plastica e al comportamento del fuso plastico nei diversi mezzi di conformazioni negli stampi. Inoltre, un approfondimento a parte riguarda la tecnologia delle materie plastiche riciclate, che vede la necessità di una conoscenza importante inerente ai sistemi di separazione degli scarti, la macinazione, il lavaggio, la densificazione, l’essicazione, la granulazione, l’insaccamento e l’utilizzo della nuova materia prima nelle fasi di stampaggio o estrusione o soffiaggio o termoformatura.

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - L’energia solare ai tempi della sharing economy
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare L’energia solare ai tempi della sharing economy
Ambiente

Come installare i pannelli solari sulla propria casa senza spendere un soldodi Marco ArezioIl concetto di condivisione dei beni, in alternativa al possesso, può essere applicato oggi anche alla produzione di energia solare, apportando significativi vantaggi all’ambiente e all’economia circolare. La Sharing Economy si basa sul principio di massimizzazione dell’uso del bene da parte di tante persone che non lo posseggono, invece di avere tanti beni sottoutilizzati. Questo comporta un impatto positivo sull’ambiente, in quanto si produce solo ciò che viene utilizzato in pieno e si risparmiano materie prime, energia ed emissioni, per beni in realtà sono superflui. La teoria della condivisione dei beni si afferma intorno al 2008, quando la recessione mondiale ha portato il ceto medio e medio-basso a doversi inventare un modo per arrotondare lo stipendio o per sostenersi economicamente per un certo periodo avendo perso il lavoro. La spinta che ha generato il nuovo business della condivisione dei beni è da identificare anche nello sviluppo della rete internet attraverso il miglioramento tecnologico degli smartphone, che hanno permesso una connessione planetaria tra le persone, scavalcando confini, dogane e barriere. Il concetto di condivisione ha portato anche ad un cambiamento epocale del modello consumista fino ad allora adottato, basato sul valore sociale della proprietà privata, sull’identificazione di uno status symbol che i beni posseduti potevano rappresentare. Nascono così alcune società come Uber o Airbnb che permettono, a chi ne avesse bisogno, una forma di micro impresa attraverso i beni posseduti. Una macchina, una stanza in casa messi in condivisione con i clienti, permettono di arrotondare le entrate famigliari e di abbattere il muro dell’inviolabilità dei beni posseduti. Il concetto di globalizzazione che internet ha permesso in questi anni, ha portato rapidamente ad un cambio delle usanze locali e un livellamento al ribasso delle condizioni economiche delle prestazioni, spingendo sul concetto di massima espansione delle opportunità per tutti indipendentemente dal tenore di vita nel paese. Per quanto riguarda l’economia circolare, il concetto di condivisione è stato correttamente sfruttato anche nel campo dell’energia solare, dove, a fronte della necessità di incrementare la produzione e l’utilizzo di fonti rinnovabili, esisteva il problema del finanziamento iniziale dei micro progetti casa per casa. Non tutte le famiglie possono accollarsi l’onere di finanziare la progettazione e l’istallazione dei pannelli solari sul proprio tetto, anche se il costo della corrente utilizzata tramite i pannelli solari potrebbe essere inferiore a quella prelevata nella rete. Nello stesso tempo le energie rinnovabili devono al più presto conoscere una diffusione di massa se si vogliono ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera. Oggi, esistono società che affittano i pannelli solari attraverso la vendita dell’energia prodotta dagli stessi istallati sulla tua casa. Il proprietario dell’immobile non deve pensare a niente, in quanto le aziende che offrono questo servizio fanno il rilevamento e la progettazione dell’impianto adatto alle tue esigenze in termini di consumi, si preoccupano della gestione burocratica della pratica di installazione e montano i pannelli solari, rimanendone proprietari e responsabili per le manutenzioni. A fronte di questo servizio, il proprietario della casa pagherà il consumo della corrente che utilizza ad un prezzo marcatamente inferiore a quello che prelevava dalla rete. Inoltre sono previsti ulteriori incentivi se la quantità non utilizzata di energia reimmessa nella rete fosse cospicua.Vedi maggiori informazioni sui prodotti

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Membrane bugnate prodotte con hdpe riciclato
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Membrane bugnate prodotte con hdpe riciclato
Informazioni Tecniche

Come scegliere e produrre una membrana bugnata performante con un granulo in HDPE riciclatodi Marco ArezioLa funzione delle membrane bugnate protettive, in HDPE riciclato nel campo dell’impermeabilizzazione edilizia è conosciuta da molti anni anche se probabilmente non tutti conoscono le molteplici opportunità di utilizzo di questo utile elemento separatore-protettore-impermeabilizzante. Le membrane si dividono: Per conformazione geometrica delle bugne Per altezza delle stesse rispetto alla suolaPer spessore della suola Per grammatura al metro quadratoPer resistenza meccanica a compressione e a trazionePer gli eventuali accoppiati che si possono installare in fase di produzioneTessuti non tessuti in poliestereTessuti non tessuti in polipropileneTessuti in polietilene reticolatoReti porta intonacoFogli lisci in PE di scorrimento Per utilizzo in edilizia Non ci soffermeremo in questa sede sui vari utilizzi ai quali la membrana si presta per migliorare tecnicamente il lavoro, ma su aspetti legati alle materie prime che vengono utilizzate per la produzione del manufatto e al risvolto qualitativo dello stesso, producendo il prodotto con macchine da estrusione a testa piana. In passato si producevano membrane bugnate standard, di comune utilizzo, da 600 grammi al mq. utilizzando resina in HDPE vergine che dava prestazioni tecniche costanti e qualità fisica del prodotto eccellente. Verso la fine degli anni 90 e gli inizi degli anni 2000, la forte crescita della domanda del prodotto ha spinto l’incremento dell’offerta sul mercato con conseguente tensione sui prezzi, spingendo i produttori ad un uso massiccio e quasi esclusivo di granuli in HDPE rigenerati per la produzione. Parallelamente, sempre nell’ottica di una accresciuta conflittualità dei prezzi, si sono offerte membrane bugnate con grammature al mq. da 500-450 e 400. La riduzione di grammatura e l’utilizzo di granuli rigenerati può portare ad una performance meccanica decisamente sotto le attese relativamente agli impieghi per cui i progettisti li hanno prescritte. Per ovviare a questo duplice problema, in relazione alle materie prime da impiegare nella produzione, si deve fare attenzione ad alcuni punti basilari: • L’input normalmente usato è composto da bottiglie e flaconi in HDPE proveniente dalla raccolta differenziata nei quali si trovano tappi in PP che ha un comportamento peggiorativo nella qualità della membrana. Una % di PP elevata porta ad una marcata fragilità del manufatto, specialmente in fase di resistenza all’ancoraggio nella fase di re-interro del piano di fondazione. La riduzione delle % di PP si risolvono attraverso l’uso di macchine separatrici a lettura ottica. • La fase di lavaggio del macinato proveniente dai flaconi di HDPE è importante in quanto il permanere di piccoli residui rigidi nello stesso, in quantità elevate, potrebbero non essere fermati completamente dai filtri in fase di estrusione e quindi essere inglobati nei granuli che, impiegati per la produzione di membrane con spessori di 0,4-0,5 mm., potrebbero facilitare la formazione di buchi sulla superficie del prodotto con la conseguenza di una perdita di impermeabilità e resistenza alla trazione. Quindi un buon lavaggio per decantazione e a rotazione, unito alla scelta di filtri e cambia-filtri in continuo, aiuta ad avere un granulo pulito. • L’utilizzo di cariche minerali per aumentare la resistenza meccanica delle bugne, riducendo l’impiego, in peso, del polimero in HDPE, al fine di ridurre il costo della materia prima, può essere virtuoso fino ad una soglia, conosciuta, oltre la quale il prodotto aumenta in modo importante la fragilità e la vetrosità riducendo le caratteristiche meccaniche richieste.In relazione all’impiego nelle opere edili della membrane bugnate si elencano alcuni fattori fondamentali:Per la posa verticale come la protezione della guaina impermeabile e per la funzione di drenaggio verticale in fondazione, si richiede principalmente una resistenza a trazione rispetto a compressione • Per la posa orizzontale come gli stati separatori nei pavimenti è preminente la resistenza meccanica verticale • Per la posa di membrane con rete porta intonaco per la deumidificazione dei muri è preminente la qualità di resistenza a trazione della membrana rispetto ai tasselli di chiodatura • Per gli strati separatori e drenanti nelle gallerie e tunnel sono necessarie sia una buona resistenza meccanica che di trazione • Per la posa di membrane per l’isolamento acustico la sollecitazione meccanica è molto contenuta nelle abitazioni civili. Con questi punti non si vuole esaurire l informativa, sia gli impieghi, che sono innumerevoli ma che per questione di spazio non si possono trattare in questa sede, sia per i risvolti produttivi nei quali si devono anche considerare l’impatto della qualità delle membrane in relazione ai parametri macchina relativi all’estrusione.Categoria: notizie - tecnica - plastica - riciclo - membrane bugnate - edilizia

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Trash: il Film che Racconta il Riciclo ai Bambini
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Trash: il Film che Racconta il Riciclo ai Bambini
Economia circolare

Il problema dei rifiuti, dell’inquinamento dei mari e le problematiche ambientali sono su tutte le TV del mondo e si leggono quotidianamente in retedi Marco ArezioNon è sempre facile far capire ai bambini che si può e si deve fare tutto il possibile per preservare il nostro pianeta, senza spaventarli e senza scadere in una sterile lezione di educazione ambientale che rischia di non creare quell’empatia tanto cara ai giovani. Ci sono riusciti Luca della Grotta e Francesco Dafano, attraverso una fiaba che tocca il cuore, raccontando in modo animato e divertente le problematiche dei rifiuti che la società produce, ma anche di sostenibilità e di riciclo. In questo cartoon i protagonisti sono proprio i rifiuti, in un mondo difficile in cui vivere, raccontando loro stessi, con un misto di frustrazione per la loro condizione e, nello stesso tempo, di speranza per un mondo migliore dove ogni rifiuto buttato potrebbe avere una seconda possibilità. Slim è una scatola di cartone usata e Bubbles una bottiglia di bibita gassata, vivono in un mercato con altri amici emarginati, nascondendosi dai Risucchiatori, le macchine aspiranti degli addetti alle pulizie. Nonostante la condizioni in cui vivono, sperano di poter raggiungere la Piramide Magica, un luogo dove ogni rifiuto può tornare a vivere e ad essere utile alla comunità. Sembra che gli eventi della vita impedisca loro di coronare questo sogno, quando, un imprevisto cambierà il loro destino.Categoria: notizie - plastica - economia circolare - rifiuti Vedi i libri per bambini

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Strategie Avanzate per il Riciclo delle Batterie: Guida alla Sostenibilità e Innovazione
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Strategie Avanzate per il Riciclo delle Batterie: Guida alla Sostenibilità e Innovazione
Economia circolare

Approfondimento delle Tecnologie Emergenti, Politiche di Supporto e il Ruolo dell'Economia Circolare nel Riciclo Efficiente delle Batteriedi Marco ArezioNell'era della tecnologia avanzata e della crescente enfasi sulla sostenibilità ambientale, il riciclo delle batterie esauste emerge come una sfida importante. Le batterie al piombo, al litio, e altri materiali compositi richiedono approcci di riciclo innovativi per ottimizzare il recupero dei materiali e minimizzare l'impatto ambientale.L'espansione rapida della tecnologia e l'adozione su larga scala di veicoli elettrici hanno portato a un aumento esponenziale delle batterie esauste. La necessità di gestire questi rifiuti in modo sostenibile richiede un'innovazione significativa nelle strategie di riciclo. L'articolo esplora le metodologie di riciclo per batterie al piombo, al litio e altri materiali, evidenziando le sfide e le opportunità in questo campo vitale. Questo articolo analizza comparativamente le metodologie di riciclo per diverse tipologie di batterie, esplorando le pratiche innovative, le sfide, e le prospettive future.Panoramica sulle Tipologie di Batterie e loro Applicazioni Le batterie, essenziali per l'accumulo di energia in un'ampia varietà di applicazioni, possono essere classificate in base alla loro composizione chimica e al loro uso. Batterie al Piombo-Acido Le batterie al piombo-acido sono tra le più antiche tipologie di batterie ricaricabili e rimangono ampiamente utilizzate per applicazioni che richiedono una grande quantità di energia di avviamento, come nei veicoli a motore. Queste batterie sono note per la loro affidabilità, costo relativamente basso e alta capacità di corrente. Il piombo, componente primario di queste batterie, è altamente riciclabile, e i processi di riciclo sono ben stabiliti, consentendo il recupero del piombo e del suo uso nella produzione di nuove batterie. Il processo di riciclo include la rottura delle batterie usate, la separazione del piombo dai materiali non piombosi, e la fusione del piombo per purificarlo. Batterie agli Ioni di LitioLe batterie agli ioni di litio sono prevalenti nell'elettronica di consumo, inclusi smartphone, laptop, e una crescente varietà di veicoli elettrici, grazie alla loro elevata densità energetica, al peso leggero e alla capacità di mantenere la carica. Tuttavia, il riciclo delle batterie agli ioni di litio è complesso a causa della varietà dei materiali chimici coinvolti e delle sfide tecniche associate alla loro separazione e al trattamento. I metodi di riciclo includono processi termici, chimici e meccanici per recuperare metalli preziosi come il litio, il cobalto e il nichel. Questi processi sono in continua evoluzione per migliorare l'efficienza e ridurre l'impatto ambientale. Batterie a Base di Nichel, Cobalto e Manganese Queste batterie includono varie configurazioni chimiche, come le batterie nichel-cadmio (NiCd), nichel-metallo idruro (NiMH) e litio-nichel-manganese-cobalto (NMC), utilizzate in applicazioni che vanno dai dispositivi portatili ai veicoli elettrici e ai sistemi di accumulo energetico. Il riciclo di queste batterie presenta difficoltà specifiche, in quanto richiede la separazione e il recupero di diversi metalli preziosi. I processi di riciclo spesso implicano la lisciviazione acida per estrarre i metalli, seguita da processi di purificazione. Problematiche nel Riciclo delle BatterieOltre alle problematiche tecniche associate alla separazione e al recupero dei materiali, il riciclo delle batterie affronta ostacoli logistici, tra cui la raccolta e il trasporto sicuro delle batterie esauste. Inoltre, la variabilità nelle composizioni chimiche delle batterie, specialmente con l'introduzione di nuove tecnologie, complica ulteriormente i processi di riciclo, richiedendo adattamenti continui e innovazioni nei metodi di trattamento.La crescente dipendenza dalle batterie per una vasta gamma di applicazioni sottolinea l'importanza di sviluppare processi di riciclo efficienti e sostenibili. Mentre il riciclo delle batterie al piombo-acido è ben consolidato, le batterie al litio-ion e altre batterie avanzate presentano problematiche significative che richiedono innovazioni continue nei processi di riciclo. Affrontare queste sfide non solo minimizzerà l'impatto ambientale ma contribuirà anche alla creazione di un'economia circolare per le tecnologie delle batterie. Impatto Ambientale delle Batterie Esauste Il crescente utilizzo di batterie in una varietà di applicazioni, dalla mobilità elettrica all'elettronica di consumo, porta con sé preoccupazioni ambientali significative legate allo smaltimento delle batterie a fine vita. Il mancato riciclo di queste batterie non solo spreca materiali preziosi ma comporta anche rischi ambientali gravi. Inquinamento da Metalli Pesanti Le batterie contengono metalli pesanti e altri elementi chimici, come piombo, cadmio, e mercurio, che possono essere estremamente nocivi per l'ambiente se non gestiti correttamente. Quando le batterie vengono smaltite in discariche, i metalli pesanti possono sversarsi nel suolo, contaminando l'acqua sotterranea e gli ecosistemi circostanti. Questa contaminazione può avere effetti devastanti sulla salute umana e sulla vita animale, causando problemi come danni al sistema nervoso, disturbi renali, e disturbi dello sviluppo nei bambini. Accumulo di Rifiuti Tossici Senza un'adeguata gestione, le batterie esauste contribuiscono all'accumulo di rifiuti tossici negli ambienti terrestri e acquatici. Questi rifiuti non solo occupano grandi quantità di spazio nelle discariche ma possono anche rilasciare sostanze chimiche pericolose nell'aria, nell'acqua e nel suolo. La decomposizione e la corrosione delle batterie in discarica accelerano il rilascio di sostanze tossiche, aumentando ulteriormente il rischio di inquinamento ambientale. Emissioni di Gas Serra La produzione e lo smaltimento di batterie implica anche l'emissione di gas serra. La produzione di nuove batterie, in particolare, richiede l'estrazione e la lavorazione di materiali, processi che sono spesso intensivi in termini di energia e associati a significative emissioni di CO2. Il riciclo può ridurre notevolmente queste emissioni, recuperando materiali che altrimenti richiederebbero processi di estrazione e lavorazione energetici. Importanza dei Sistemi di Riciclo Efficaci L'implementazione di sistemi di riciclo efficaci è fondamentale per mitigare l'impatto ambientale delle batterie esauste. Attraverso il riciclo, è possibile recuperare materiali preziosi, riducendo la necessità di estrazione di risorse nuove e diminuendo l'impronta ambientale. Inoltre, il riciclo previene l'inquinamento da metalli pesanti e riduce l'accumulo di rifiuti tossici, contribuendo a proteggere la salute pubblica e l'ambiente. La promozione di politiche e pratiche di riciclo, insieme allo sviluppo di tecnologie di riciclo più efficienti e sostenibili, è essenziale per affrontare le sfide ambientali associate alle batterie esauste. L'educazione dei consumatori sul corretto smaltimento delle batterie e l'incoraggiamento all'adozione di sistemi di raccolta e riciclo possono giocare un ruolo cruciale nel minimizzare l'impatto ambientale delle batterie a fine vita. Normative e Incentivi per il Riciclo di Batterie nel MondoIl quadro normativo e gli incentivi economici rappresentano leve fondamentali per stimolare il riciclo delle batterie, affrontando le problematiche ambientali legate al loro smaltimento e promuovendo pratiche sostenibili. Queste politiche variano a seconda della regione e del paese, riflettendo differenze nei sistemi legali, nelle priorità ambientali e nelle capacità industriali. Normative Chiave Unione Europea: L'UE ha adottato la Direttiva sui Rifiuti di Batterie e Accumulatori, che stabilisce obiettivi di raccolta e riciclo per gli Stati membri. Questa direttiva richiede che i produttori di batterie istituiscano sistemi per la raccolta gratuita e il riciclo delle batterie esauste, promuovendo l'economia circolare e la responsabilità del produttore. Stati Uniti: Negli USA, la regolamentazione del riciclo delle batterie varia significativamente tra gli stati. La California, per esempio, ha implementato un programma di riciclo per batterie ricaricabili che impone ai produttori di gestire e finanziare la raccolta e il riciclo delle batterie usate. Cina: La Cina, uno dei maggiori consumatori e produttori di batterie, ha introdotto regolamenti per incentivare il riciclo delle batterie al litio, inclusi standard per il trattamento e il riciclo e requisiti per la responsabilità estesa del produttore. Incentivi Economici Gli incentivi economici sono cruciali per rendere il riciclo delle batterie un'opzione attraente per le aziende e i consumatori. Questi possono includere: Sovvenzioni e Finanziamenti: Governi e organizzazioni internazionali possono offrire sovvenzioni e finanziamenti a supporto dell'innovazione nel riciclo delle batterie, facilitando lo sviluppo di tecnologie più efficienti e sostenibili. Credito d'Imposta e Agevolazioni Fiscali: Alcuni paesi offrono crediti d'imposta o agevolazioni fiscali alle aziende che investono nel riciclo delle batterie, riducendo così il carico finanziario associato all'implementazione di pratiche di riciclo sostenibili. Sistemi di Deposito-Cauzione: Alcuni sistemi prevedono un deposito pagato al momento dell'acquisto di una batteria, che viene rimborsato quando il consumatore restituisce la batteria esausta per il riciclo. Questo incentiva i consumatori a partecipare attivamente al riciclo. Impatto delle Politiche NormativeLe politiche normative e gli incentivi economici hanno un impatto significativo sulla promozione del riciclo delle batterie, influenzando il comportamento di produttori, consumatori e riciclatori. La creazione di un quadro normativo chiaro e di incentivi adeguati può accelerare l'adozione di pratiche di riciclo sostenibili, supportare l'innovazione tecnologica e contribuire alla protezione dell'ambiente. Tuttavia, affinché queste politiche siano efficaci, è essenziale un approccio coordinato che coinvolga tutti gli attori della catena di valore delle batterie, dalla produzione al consumo, fino allo smaltimento e al riciclo. La collaborazione tra governi, industria, istituti di ricerca e società civile è fondamentale per creare un sistema di riciclo delle batterie efficace, efficiente e sostenibile. Riciclo delle Batterie al Piombo Il riciclo delle batterie al piombo-acido rappresenta uno dei successi più importanti nell'ambito del riciclo di prodotti post-consumo. Grazie a processi consolidati e a un'elevata consapevolezza sia da parte dei consumatori che dell'industria, il riciclo di queste batterie raggiunge tassi di recupero eccezionalmente alti. Raccolta e Trasporto Il processo di riciclo inizia con la raccolta delle batterie al piombo-acido esauste da varie fonti, tra cui centri di servizio auto, rivenditori di batterie e punti di raccolta designati. Successivamente, le batterie vengono trasportate a impianti di riciclo specializzati, seguendo normative severe per il trasporto di materiali pericolosi, per evitare fuoriuscite di acido e contaminazione ambientale. Smontaggio All'arrivo presso l'impianto di riciclo, le batterie vengono smontate in un ambiente sicuro e controllato. Questa operazione è essenziale per separare i diversi componenti delle batterie, tra cui il piombo, gli elettroliti (acido solforico) e le plastiche. L'acido solforico può essere neutralizzato e trasformato in acqua purificata, che viene poi rilasciata nel sistema di acque reflue, oppure può essere trattato e convertito in sale di sodio solfato, utile in altri processi industriali. Fusione e Raffinazione del Piombo Il piombo ricavato dalle batterie viene poi fuso in forni a temperature elevate. Durante questo processo, il piombo viene purificato attraverso varie fasi di raffinazione per rimuovere le impurità. Il piombo raffinato può quindi essere utilizzato per produrre nuove piastre di piombo e altri componenti per batterie nuove, nonché per altre applicazioni che richiedono piombo raffinato. Riciclo delle Plastiche Le parti in plastica delle batterie, tipicamente realizzate in polipropilene, vengono lavate, tritate e fondono per formare nuovi prodotti in plastica. Questo ciclo di riciclo della plastica contribuisce ulteriormente alla riduzione dei rifiuti e all'uso efficiente delle risorse. Efficienza e Sostenibilità Il riciclo delle batterie al piombo-acido è notevolmente efficiente, con tassi di recupero che superano il 95%. Questo alto livello di efficienza non solo assicura un significativo risparmio di risorse naturali ma riduce anche l'impatto ambientale associato all'estrazione di nuovo piombo. Inoltre, il processo di riciclo contribuisce a minimizzare la quantità di rifiuti pericolosi, mitigando i rischi per la salute umana e l'ambiente. Sfide e Prospettive Future Nonostante l'alta efficienza del processo di riciclo del piombo-acido, la crescente domanda di batterie e le sfide ambientali richiedono un impegno continuo per migliorare le tecnologie di riciclo e le pratiche sostenibili. La ricerca continua e l'innovazione sono cruciali per ottimizzare ulteriormente il processo di riciclo, ridurre i costi e minimizzare l'impronta ambientale. In conclusione, il riciclo delle batterie al piombo-acido rappresenta un modello di successo nel campo del riciclo sostenibile. Mantenendo e migliorando le pratiche correnti, è possibile assicurare che questo ciclo di riciclo continui a fornire benefici ambientali, economici e sociali. Riciclo delle Batterie al Litio Le batterie al litio sono diventate la spina dorsale della rivoluzione tecnologica moderna, alimentando tutto, dagli smartphone ai veicoli elettrici. Tuttavia, il loro riciclo presenta sfide uniche rispetto ad altre tipologie di batterie, principalmente a causa della complessità chimica e delle preoccupazioni legate alla sicurezza. Questa sezione approfondisce le metodologie di riciclo delle batterie al litio, evidenziando le sfide, le soluzioni emergenti e l'impatto ambientale. Problematiche nel Riciclo delle Batterie al Litio Sicurezza: Le batterie al litio possono essere instabili se danneggiate o surriscaldate, presentando rischi di incendio o esplosione. Questa instabilità richiede precauzioni particolari durante la raccolta, il trasporto e il processo di smantellamento. Complessità Chimica: Le batterie al litio contengono una varietà di materiali, inclusi litio, cobalto, nichel e manganese, che richiedono processi specifici per il loro recupero e riciclo efficace. Efficienza Energetica: I processi di riciclo delle batterie al litio possono essere energeticamente intensivi, con l'energia necessaria per il recupero dei materiali che spesso supera quella utilizzata per l'estrazione di nuovi materiali. Tecniche di Riciclo Riciclo Meccanico: Questo metodo prevede la triturazione delle batterie e la separazione fisica dei materiali. Sebbene sia relativamente semplice, il riciclo meccanico può portare alla perdita di alcuni materiali preziosi e non è sempre il più efficiente in termini energetici. Riciclo Pirometallurgico: In questo processo, le batterie vengono trattate a temperature elevate per recuperare metalli come cobalto, nichel e rame. Tuttavia, questo metodo può generare emissioni tossiche e richiede un elevato consumo energetico. Riciclo Idrometallurgico: Questa tecnica utilizza soluzioni acquose per estrarre metalli preziosi dalle batterie. Considerato più ecologico e efficiente dal punto di vista energetico rispetto al riciclo pirometallurgico, il riciclo idrometallurgico può recuperare litio, cobalto e altri materiali con un'alta purezza. Innovazioni e Prospettive Future Le tecniche emergenti per il riciclo delle batterie al litio mirano a superare le sfide legate alla sicurezza, all'efficienza energetica e alla complessità chimica. Tra queste, vi sono processi innovativi che consentono il recupero diretto di materiali preziosi in forma utilizzabile, riducendo il bisogno di raffinazione aggiuntiva e minimizzando l'energia richiesta. Una delle aree più promettenti di ricerca è nello sviluppo di metodi di riciclo "diretto" che possono processare le batterie al litio per produrre materiali catodici che possono essere direttamente riutilizzati nella produzione di nuove batterie. Questi metodi non solo promettono di aumentare l'efficienza del recupero dei materiali ma anche di ridurre significativamente l'impronta di carbonio associata al riciclo delle batterie. Impatto Ambientale Il riciclo efficace delle batterie al litio ha il potenziale per ridurre significativamente l'impatto ambientale associato all'estrazione di nuovi materiali e alla produzione di batterie. Recuperando materiali preziosi e riducendo la quantità di rifiuti destinati alle discariche, i processi di riciclo contribuiscono a promuovere un'economia circolare, riducendo al contempo la dipendenza dalle risorse naturali limitate. In conclusione, nonostante le sfide, il riciclo delle batterie al litio rappresenta un'opportunità critica per mitigare l'impatto ambientale dell'energia rinnovabile e della mobilità elettrica. L'innovazione continua nelle tecnologie Riciclo di Altre Tipologie di Batterie Oltre alle batterie al piombo-acido e al litio, esistono diverse altre tipologie di batterie utilizzate in una vasta gamma di applicazioni, che vanno dall'uso domestico ai settori industriali e tecnologici. Queste includono batterie a base di nichel-cadmio (NiCd), nichel-metallo idruro (NiMH), e litio-nichel-manganese-cobalto (NMC), ciascuna con le proprie specifiche sfide di riciclo. Riciclo delle Batterie Nichel-Cadmio (NiCd) Problematiche: Le batterie NiCd contengono cadmio, un metallo pesante tossico, il cui smaltimento inadeguato può causare gravi problemi ambientali e sanitari. Processo di Riciclo: Il riciclo di batterie NiCd inizia solitamente con un processo di smantellamento per separare il cadmio dagli altri materiali. Il cadmio viene poi recuperato attraverso processi pirometallurgici o idrometallurgici e può essere riutilizzato nella produzione di nuove batterie NiCd o in altre applicazioni industriali. Innovazioni: La ricerca si sta concentrando sul miglioramento dei metodi di separazione e recupero del cadmio per aumentare l'efficienza e ridurre l'impatto ambientale del processo. Riciclo delle Batterie Nichel-Metallo Idruro (NiMH) Problematiche: Anche se meno tossiche delle batterie NiCd, le NiMH presentano comunque sfide di riciclo legate alla separazione efficace del nichel e altri metalli. Processo di Riciclo: Il riciclo delle batterie NiMH impiega metodologie simili a quelle delle NiCd, con un'enfasi particolare sul recupero del nichel, che può essere riutilizzato in vari settori industriali. Innovazioni: Gli sforzi di ricerca mirano a sviluppare processi di riciclo più sostenibili ed efficienti, come il miglioramento dei metodi idrometallurgici per il recupero del nichel e la minimizzazione dei rifiuti generati dal processo. Riciclo delle Batterie Litio-Nichel-Manganese-Cobalto (NMC) Problematiche: Le batterie NMC, comunemente utilizzate nei veicoli elettrici, contengono una miscela complessa di metalli preziosi, rendendo il loro riciclo particolarmente sfidante ma anche molto importante a causa del valore dei materiali coinvolti. Processo di Riciclo: Tecniche avanzate come il riciclo idrometallurgico e pirometallurgico sono utilizzate per recuperare litio, nichel, manganese e cobalto. Questi materiali possono poi essere raffinati e riutilizzati nella produzione di nuove batterie NMC. Innovazioni: Il focus attuale della ricerca include lo sviluppo di processi più efficienti ed ecocompatibili per il recupero dei metalli preziosi, nonché la creazione di metodi diretti di riciclo che possano reintegrare i materiali recuperati direttamente nei processi produttivi di nuove batterie. Impatto Ambientale e Sostenibilità Il riciclo efficace di queste diverse tipologie di batterie gioca un ruolo cruciale nella riduzione dell'impatto ambientale associato alla produzione e allo smaltimento delle batterie. Recuperando e riutilizzando materiali preziosi, i processi di riciclo contribuiscono a diminuire la domanda di risorse naturali, ridurre le emissioni di gas serra e limitare l'accumulo di rifiuti pericolosi. Le innovazioni nel trattamento chimico e nella separazione dei materiali non solo promettono miglioramenti nel recupero dei metalli ma anche una maggiore sostenibilità complessiva del processo di riciclo. In conclusione, mentre le sfide nel riciclo di queste diverse tipologie di batterie rimangono significative, le innovazioni in corso offrono la promessa di processi di riciclo più efficienti, sostenibili ed economicamente vantaggiosi, sottolineando l'importanza dell'investimento continuo in ricerca e sviluppo in questo campo. Analisi Economica del Riciclo di Batterie Il riciclo delle batterie non è solo una necessità ambientale ma rappresenta anche un'opportunità economica significativa. Tuttavia, l'efficacia economica del processo di riciclo dipende da vari fattori, che vanno dai costi operativi al valore di mercato dei materiali recuperati. Questa sezione esamina l'analisi economica del riciclo delle batterie, mettendo in luce i principali fattori che influenzano la sua fattibilità economica. Costi Operativi Raccolta: Il primo passo nel processo di riciclo, la raccolta delle batterie esauste, può essere costoso. I costi variano in base alla diffusione geografica delle fonti di raccolta e alla disponibilità di infrastrutture dedicate. Trasporto: Il trasporto delle batterie raccolte agli impianti di riciclo aggiunge ulteriori costi, specialmente quando si tratta di materiali classificati come pericolosi, che richiedono modalità di trasporto speciali. Smantellamento e Trattamento: Lo smantellamento delle batterie e il successivo trattamento dei materiali richiedono investimenti significativi in tecnologia e manodopera, contribuendo notevolmente ai costi operativi complessivi. Efficienza dei Processi L'efficienza con cui i materiali vengono recuperati e trattati influisce direttamente sui costi e sui benefici del riciclo. Processi più efficienti riducono il consumo energetico e aumentano la quantità e la qualità dei materiali recuperati, migliorando la sostenibilità economica del riciclo. Valore dei Materiali Recuperati Materiali Preziosi: Molti materiali ricavati dal riciclo delle batterie, come litio, cobalto e nichel, hanno un alto valore di mercato. L'aumento della domanda di questi materiali, soprattutto per la produzione di nuove batterie, può rendere economicamente vantaggioso il riciclo. Fluttuazioni di Mercato: Il valore di mercato dei materiali recuperati è soggetto a fluttuazioni, influenzando la redditività del riciclo. Un calo dei prezzi può ridurre i margini di profitto, mentre un aumento può rendere il riciclo più attraente. Modelli Economici Sostenibili Per garantire la sostenibilità economica del riciclo di batterie, è essenziale sviluppare modelli di business che bilancino efficacemente costi e ricavi. Questo può includere: Innovazioni Tecnologiche: L'adozione di tecnologie avanzate di riciclo può aumentare l'efficienza e ridurre i costi operativi, migliorando la redditività. Partnership e Collaborazioni: La collaborazione tra produttori di batterie, impianti di riciclo e governi può facilitare la condivisione dei costi e l'accesso a incentivi finanziari. Responsabilità Estesa del Produttore (EPR): I programmi EPR, che impongono ai produttori di batterie la responsabilità di gestire il fine vita dei loro prodotti, possono incentivare lo sviluppo di processi di riciclo più efficienti e sostenibili. Conclusioni L'analisi economica del riciclo delle batterie evidenzia l'importanza di considerare attentamente i costi operativi, l'efficienza dei processi e il valore dei materiali recuperati. Mentre esistono problematiche significative, le opportunità economiche associate al riciclo di batterie sono considerevoli, specialmente alla luce della crescente domanda di materiali critici per la produzione di energia rinnovabile e tecnologie pulite. Affrontare queste sfide attraverso l'innovazione, la collaborazione e politiche efficaci è essenziale per realizzare il potenziale economico del riciclo di batterie. Strategie di Mitigazione nel Riciclo delle Batterie Il riciclo delle batterie gioca un ruolo fondamentale nella gestione sostenibile dei rifiuti e nella riduzione dell'impatto ambientale associato al loro smaltimento. Tuttavia, i processi di riciclo possono a loro volta generare impatti ambientali, quali emissioni nocive, consumo energetico e produzione di rifiuti secondari. Ecco un'esplorazione degli impatti ambientali legati al riciclo delle batterie e delle strategie per mitigarli. Impatti Ambientali Emissioni Aeree: Alcuni processi di riciclo, specialmente quelli pirometallurgici, possono emettere gas e polveri nocive, inclusi metalli pesanti e diossine. Consumo Energetico: Il riciclo delle batterie può essere un processo energeticamente intensivo, specialmente nelle fasi di fusione e purificazione dei metalli. L'alta domanda energetica contribuisce all'impronta di carbonio dell'intero processo. Rifiuti Acquosi: Il riciclo idrometallurgico comporta l'uso di soluzioni chimiche che, se non gestite correttamente, possono contaminare le risorse idriche. Rifiuti Solidi: Residui solidi non riciclabili possono essere generati durante il processo di smantellamento e separazione, necessitando di una gestione adeguata per evitare impatti ambientali. Strategie di Mitigazione Ottimizzazione dei Processi: Migliorare l'efficienza dei processi di riciclo riduce il consumo energetico e minimizza la produzione di rifiuti. L'adozione di tecniche innovative può aiutare a recuperare più materiali utili, riducendo i residui da smaltire. Utilizzo di Tecnologie Più Pulite: Sostituire i processi pirometallurgici con tecniche più pulite, come il riciclo idrometallurgico o meccanico avanzato, può ridurre significativamente le emissioni nocive. Gestione dei Rifiuti Acquosi e Solidi: Implementare sistemi di trattamento dell'acqua per purificare i liquidi contaminati prima del loro rilascio nell'ambiente. I rifiuti solidi dovrebbero essere trattati e, se possibile, riciclati o riutilizzati in altri processi industriali. Riduzione dell'Impatto Energetico: Utilizzare energia proveniente da fonti rinnovabili per alimentare gli impianti di riciclo può diminuire l'impronta di carbonio del processo. L'efficienza energetica degli impianti può essere migliorata attraverso l'ottimizzazione delle operazioni e l'aggiornamento delle attrezzature. Certificazioni e Standard Ambientali: Adottare e aderire a standard ambientali riconosciuti, come ISO 14001 per la gestione ambientale, può aiutare le strutture di riciclo a ridurre i loro impatti negativi e migliorare continuamente le pratiche sostenibili. Ricerca e Sviluppo: Investire nella ricerca per sviluppare nuove tecnologie di riciclo e per migliorare quelle esistenti è fondamentale per affrontare in modo efficace gli impatti ambientali. La collaborazione tra università, industria e governi può accelerare queste innovazioni.La mitigazione degli impatti ambientali associati al riciclo delle batterie richiede un approccio olistico che combina innovazioni tecnologiche, pratiche operative efficienti e responsabili, e politiche di supporto. Implementando strategie efficaci di mitigazione, è possibile rendere il riciclo delle batterie non solo economicamente vantaggioso ma anche ambientalmente sostenibile, contribuendo significativamente agli obiettivi di riduzione dei rifiuti e di conservazione delle risorse. Innovazioni e Prospettive Future nel Riciclo di Batterie Tecnologie di Riciclo Emergenti Le innovazioni nel riciclo delle batterie sono in rapida evoluzione, rispondendo sia alla crescente domanda di batterie che alla necessità di processi di riciclo sostenibili ed efficienti. Queste tecnologie promettono di migliorare l'efficienza, ridurre l'impatto ambientale e aumentare il recupero di materiali preziosi: Trattamento Termico Avanzato: Nuove tecnologie di trattamento termico, come la pirolisi e il trattamento a gas, offrono metodi più puliti e controllati per decomporre le batterie esauste, recuperando materiali in forma più pura e riducendo le emissioni nocive. Riciclo Idrometallurgico Innovativo: L'evoluzione del riciclo idrometallurgico include l'uso di solventi meno tossici e più efficienti, migliorando il recupero di litio, cobalto e altri metalli preziosi, e minimizzando i rifiuti liquidi. Estrazione Diretta: La tecnologia di estrazione diretta, che permette il recupero di materiali specifici direttamente dal composto della batteria senza dover smantellare completamente la batteria, riduce il consumo energetico e i costi operativi. Recupero del Litio: Nuove metodologie per il recupero del litio dalle batterie al litio-esaurite sono in fase di sviluppo, con potenziali per migliorare significativamente l'efficienza del recupero di questo metallo chiave. Politiche di Supporto e Incentivi al Riciclo La formulazione di politiche pubbliche e la creazione di incentivi economici sono essenziali per promuovere l'adozione di pratiche di riciclo avanzate e sostenibili: Legislazione e Regolamentazione: L'introduzione di leggi che richiedono la raccolta e il riciclo delle batterie, come la responsabilità estesa del produttore (EPR), stimola l'innovazione e gli investimenti nel settore del riciclo. Incentivi Finanziari: Sovvenzioni, agevolazioni fiscali e altri incentivi finanziari possono aiutare a ridurre il divario di costo tra il riciclo e l'estrazione di nuovi materiali, rendendo il riciclo una scelta economicamente vantaggiosa. Programmi di Certificazione: La certificazione di pratiche di riciclo sostenibili e l'etichettatura ecologica possono incoraggiare le aziende a investire in tecnologie di riciclo avanzate e promuovere la fiducia dei consumatori. Il Ruolo dell'Economia Circolare nel Futuro del Riciclo di Batterie L'integrazione dei principi dell'economia circolare nel riciclo delle batterie è fondamentale per un futuro sostenibile: Design per il Riciclo: Progettare batterie con il riciclo in mente può semplificare il processo di recupero dei materiali e aumentare l'efficienza complessiva del riciclo. Sistemi di Raccolta e Riciclo Chiusi: Sviluppare sistemi in cui le batterie esauste sono raccolte e riportate direttamente ai produttori per il riciclo può ridurre gli sprechi e migliorare l'efficienza dei materiali. Collaborazione tra Stakeholder: La collaborazione tra produttori di batterie, riciclatori, policy maker e consumatori è cruciale per creare una catena di fornitura circolare, massimizzando il recupero e il riutilizzo dei materiali.Le innovazioni nel riciclo delle batterie, sostenute da politiche efficaci e integrate in un modello economico circolare, hanno il potenziale per trasformare il settore del riciclo delle batterie. Questi sviluppi non solo affrontano le sfide ambientali e di approvvigionamento ma aprono anche nuove opportunità economiche, sostenendo la transizione verso una mobilità sostenibile e un futuro energetico pulito. Conclusione Il riciclo delle batterie esauste rappresenta un pilastro fondamentale nel perseguimento di un futuro sostenibile. In un'epoca caratterizzata da un crescente bisogno di soluzioni energetiche rinnovabili e dalla diffusione capillare della mobilità elettrica, l'importanza di sviluppare e implementare metodi efficaci di riciclo delle batterie non può essere sottostimata. L'innovazione tecnologica nel campo del riciclo, abbinata a politiche di supporto mirate e strategiche, ha il potere non solo di affrontare le pressanti sfide ambientali ma anche di sbloccare significative opportunità economiche. Trasformare le Sfide in Opportunità Le sfide ambientali poste dall'uso e dallo smaltimento delle batterie esauste sono notevoli, ma con il progresso tecnologico, queste sfide si trasformano in opportunità. L'innovazione nelle tecniche di riciclo offre la possibilità di recuperare materiali preziosi in modo più efficiente e sostenibile, riducendo la dipendenza dalle risorse naturali estratte e diminuendo l'impatto ambientale dell'estrazione e della produzione di batterie nuove. Il Ruolo delle Politiche di Supporto Le politiche governative e gli incentivi economici giocano un ruolo cruciale nell'accelerare l'adozione di pratiche di riciclo sostenibili. Leggi che impongono la responsabilità estesa del produttore (EPR), incentivi finanziari per le tecnologie di riciclo innovativo, e normative che facilitano la raccolta e il trattamento sicuro delle batterie esauste, sono tutti esempi di come il sostegno normativo può stimolare progressi significativi nel settore. Promozione della Protezione Ambientale Il riciclo efficace delle batterie non solo offre benefici economici ma è anche essenziale per la tutela dell'ambiente. Riducendo la quantità di rifiuti pericolosi in discarica e minimizzando l'impronta di carbonio associata alla produzione di batterie nuove, i processi di riciclo avanzati contribuiscono direttamente alla conservazione delle risorse naturali e alla protezione degli ecosistemi. Verso un'Economia Circolare Integrare il riciclo delle batterie in un modello di economia circolare rappresenta la direzione ottimale per un futuro sostenibile. Un approccio circolare non solo ottimizza l'uso dei materiali ma promuove anche la sostenibilità lungo l'intera catena di valore delle batterie, dalla progettazione alla produzione, all'uso e al riciclo finale. Ciò richiede un impegno congiunto tra produttori di batterie, consumatori, riciclatori, ricercatori e policy maker. In conclusione, il riciclo delle batterie esauste non è soltanto una necessità ambientale ma anche una notevole opportunità economica e un passo vitale verso la sostenibilità. Innovazioni tecnologiche, supportate da politiche efficaci e un impegno verso l'economia circolare, sono fondamentali per trasformare le sfide legate al riciclo delle batterie in soluzioni sostenibili per il nostro pianeta. Con l'adozione di questi approcci, possiamo lavorare insieme verso un futuro in cui energia pulita e mobilità sostenibile vanno di pari passo con la tutela dell'ambiente.

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Come la Cura del Giardino ha un’influenza sull’Ansia e sullo Stress
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Come la Cura del Giardino ha un’influenza sull’Ansia e sullo Stress
Slow Life

Che la vita all’aria aperta, che sia nel tuo giardino o in un conteso come un bosco o in campagna o in montagna, possa avere un affetto benefico sulla salute, è una cosa risaputa da tempo.Ma il meccanismo con cui questo miglioramento dell’umore e dell’autostima si manifesta, non è mai stato chiaro, finché un team di scienziati ha provato a studiare il fenomeno. L’approccio è stato gestito prendendo in esame due aspetti, quello più prettamente fisco e quello mentale. Il beneficio dal punto di vista fisico è stato misurato attraverso il monitoraggio dell’attività con basso sforzo, come invasare, cambiare i fiori nelle aiuole, tagliare l’erba, areare la terra o concimare. Gli sforzi a bassa intensità eseguiti durante le operazioni di giardinaggio interessano un numero elevato di muscoli e per un tempo prolungato, questo permette di bruciare molte calorie senza sovraccaricare il sistema cardiocircolatorio. Quindi si può dire che il movimento distribuito su molte leve muscolari permette di mantenere in forma tutto il corpo, in modo armonioso e senza incorrere, generalmente, a fenomeni di sovraccarico lavorativo. Dal punto di vista mentale, la ricerca si è concentrata sul capire come il cervello possa innescare sensazioni positive e piacevoli durante questa attività. Per capire quale fossero i meccanismi che generano benessere durante le attività di giardinaggio, hanno esaminato molti degli stereotipi in circolazione, come la presenza di batteri nel terreno che avrebbero un’influenza positiva sul cervello, condizione valutata anche sui topi in laboratorio che ha dato scarsa attendibilità. E’ stata presa in considerazione anche la presenza di una maggiore ossigenazione, in presenza di molte piante nella zona di lavoro e di una condizione di maggiore pulizia dell’aria, sempre per l’effetto filtro che le piante possono svolgere. Ma anche qui non sembrerebbe confermare che questi fenomeni possano migliorare le condizioni di ansia e di stress accumulate dall’uomo. Una ipotesi che ha interessato gli studiosi, riguarda le colorazioni che l’occhio percepisce durante la permanenza nella natura, in particolare hanno scoperto che le tonalità verdi possono avere un’influenza benefica sull’umore. Per confutare questa tesi hanno proiettato delle immagini di aree naturali, la cui prevalenza cromatica era composta dal verde, successivamente hanno mischiato i colori dando preferenza al nero, al rosso, al grigio e così via. Il risultato è stato che durante le proiezioni su base verde, il cervello ha reagito in modo da esprimere tranquillità e soddisfazione, mentre utilizzando altri colori, questo benessere è sceso notevolmente. Inoltre, lo studio a preso in considerazione, il livello si ansia e di stress dei partecipanti durante le occupazioni che svolgevano in giardino. Occuparsi del terreno, dei fiori, del prato e delle piante, attivamente, sembra liberi la mente da molti pensieri che la affollano, evitando quel senso di avvitamento umorale che è tipico delle persone che continuano a pensare e ripensare a qualsiasi piccolo o grande problema. Diciamo una sorta di swich-off del cervello che dona maggiore tranquillità e una sensazione di benessere.

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Le Cause della Riduzione Qualitativa del Polipropilene Durante il Riciclo Meccanico
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Le Cause della Riduzione Qualitativa del Polipropilene Durante il Riciclo Meccanico
Informazioni Tecniche

L’analisi dei flussi dei rifiuti in ingresso, la selezione, le miscele e l’impatto termico sulle prestazioni finalidi Marco ArezioIl polipropilene è una famiglia di polimeri molto utilizzata per la produzione di articoli nelle più svariate applicazioni, in quanto associa resistenza, facilità di colorazione e semplicità di impiego attraverso processi termici differenti come l’iniezione, il soffiaggio, l’estrusione e la termoformatura. È anche un polimero che si presta facilmente alle operazioni di compound, attraverso le quali si possono miscelare additivi che inducono modifiche alla struttura, incrementando così le prestazioni finali del prodotto, rendendolo più rigido o più flessibile o più performante agli sforzi di compressione, trazione o di taglio. In virtù della sua duttilità e della facilità di produzione, lo scarto che viene raccolto, per essere poi riciclato meccanicamente, presenta un’eterogeneità di composti che è importante conoscere, per poter prevenire eventuali errori qualitativi sulla materia prima seconda che si andrà a produrre. Innanzitutto vediamo come si svolge un normale processo di riciclo meccanico di un rifiuto in polipropilene.Lo scaro del polipropilene che viene avviato al riciclo si può presentare sotto forma di rifiuto rigido, per esempio le cassette dell’ortofrutta, i bancali, i paraurti, i flaconi, oppure sotto forma di rifiuto flessibile, come i sacchetti, i Big Bags, i teli e i film del settore del packaging. L’insieme di questi rifiuti dovranno preventivamente essere separati meccanicamente, in modo da creare un input di scarti dalla consistenza rigida e uno dalla consistenza flessibile, così da avviarli a processi di lavorazione differenti. Dopo avere fatto una prima sommaria cernita per macrocategorie, si cerca di separare i rifiuti in base alla tipologia di prodotto iniziale, per esempio i flaconi si separeranno dai secchi, i bancali dai prodotti farmaceutici, le cassette dell’ortofrutta dai tubi e così via. Anche per quanto riguarda i rifiuti flessibili si cercherà di separare le diverse tipologie di teli, in base alla tipologia di imballo per cui erano destinate, alle lavorazioni a cui sono state sottoposte e ai prodotti con cui sono stati in contatto. Questa seconda selezione è volta a creare una possibile omogeneità tra le famiglie di rifiuti selezionati, in modo da rendere il loro riciclo il più semplice e qualitativo possibile. Lo scarto ulteriormente selezionato verrà poi lavato, con processi a decantazione e meccanici, in modo da ridurre al minimo le contaminazioni presenti sulla scaglia, che potrebbero pregiudicarne le qualità meccaniche e l’aspetto estetico. Terminato il processo di lavaggio lo scarto rigido verrà asciugato, mentre quello flessibile passerà nel densificatore per agglomerare le parti leggere, in modo che sia maggiormente lavorabile nell’estrusione. Successivamente si utilizzerà questo semilavorato come alimentazione per gli estrusori nella preparazione delle ricette di nuovi granuli riciclati, ricreando il circolo virtuoso dell’economia circolare. Descritto brevemente il processo di riciclo meccanico del polipropilene vediamo quali possono essere i problemi più comuni da affrontare e come poterli risolvere. La prima cosa da verificare, nell’attività di riciclo meccanico del polipropilene, è la conoscenza tecnica delle differenze, nei flussi dei rifiuti in ingresso, sulle varie strutture molecolari del polimero. Infatti il peso molecolare, la sua cristallinità e la sua origine, tra omopimero e copolimero, possono influenzare le qualità fisico-meccaniche del prodotto finale. Ad esempio, i contenitori o i secchi per conservare lubrificanti o vernici sono comunemente realizzati in copolimero a blocchi, che ha un buon equilibrio tra proprietà di impatto e rigidità. Altri contenitori in polipropilene, come i flaconi per prodotti per l'igiene e la pulizia o i contenitori per latticini, possono anche essere realizzati in copolimero random o omopolimero, quindi, la differenza di temperatura di fusione varia tra omopolimeri (160-165 °C) e polipropilene copolimero (135-159 °C). Se queste differenti origini e caratteristiche del materiale venissero combinate fra loro durante il riciclo meccanico, ne scaturirebbe un granulo riciclato di qualità inferiore rispetto allo stesso prodotto attraverso una selezione del rifiuto più attenta. La seconda cosa da tenere presente è la possibile contaminazione del polipropilene con altre plastiche comuni come il PE. Tra i tanti polimeri, l’HDPE, è quello che crea più spesso una possibile contaminazione, se non separato precedentemente nel flusso di scarti in ingresso, infatti il PP e l’HDPE, entrambi della famiglia delle poliolefine, hanno una grande somiglianza nella loro struttura e hanno una densità inferiore a 1, galleggiano quindi nell’ acqua di lavaggio. Inoltre, durante le fasi di estrusione, il PP e l’HDPE hanno temperature di fusioni differenti, compresa tra 160 e 170 °C per il polipropilene e 130 °C per l’HDPE, portando quest’ultimo alla possibile degradazione termica, che si manifesta nella formazione di particelle nere che possono essere impresse sui prodotti finali, con carenze dal punto di vista estetiche. E’ quindi consigliabile limitare la presenza di HDPE sotto la soglia del 5%, per ridurre l’impatto negativo sui prodotti realizzati con la materia prima riciclata. La terza cosa da considerare, come abbiamo accennato prima, è il fatto che il PP si presta facilmente alle operazioni di compound, quindi lo scarto potrebbe contenere, cariche come il talco, il carbonato di calcio, la fibra di vetro, i metalli o colori particolarmente aggressivi. Sapendo che i vari additivi da compound hanno comportamenti fisici e meccanici diversi, sia in fase di trasformazione della materia prima che dal punto di vista estetico che prestazionale sul prodotto finito, è importante procedere all’analisi dei contenuti, con prove di laboratorio, per capire come utilizzare, durante le fasi di riciclo, lo scarto additivato. La quarta cosa che si deve tenere presente è il degrado del polimero, non solo quello di cui abbiamo accennato riguardante la fase termico-estrusiva per produrre il granulo, ma anche quella che possiamo definire foto-ossidativa, per cui un prodotto plastico esposto alla luce e al calore, genera un decadimento delle proprie prestazioni a causa dell’indebolimento e della modifica delle sue catene. Infatti, la degradazione ossidativa può essere generata non solo dalla degradazione termica, indotta dalla radiazione solare, ma anche da elevate sollecitazioni meccaniche. Quando il polimero si degrada, l'ossigeno presente nel materiale plastico disintegra le molecole e crea radicali liberi, che reagiscono rapidamente a catena con l'ossigeno. Si può quindi ricordare che il polipropilene, nell’ambito del riciclo meccanico, è un polimero con una spiccata proprietà di degradazione termica rispetto ad altre tipologie di plastica, sia durante il suo ciclo di vita (principalmente per foto-ossidazione), sia durante le fasi di lavorazione e riciclo. Il calore, le sollecitazioni meccaniche e le radiazioni ultraviolette modificano fortemente la struttura e la morfologia e, di conseguenza, le caratteristiche e le proprietà del polipropilene riciclato. Sia l'allungamento che la resistenza all'urto sono le proprietà maggiormente influenzate dal fenomeno del degrado, oltre a cedimenti di scolorimento e altri danni estetici che devono essere presi in considerazione. Come ultimo aspetto, tra molti altri che si possono illustrare, citerei la problematica dell’odore che può accompagnare i rifiuti in polipropilene da post consumo. L’odore nell’input del rifiuto può formarsi a causa della commistione tra plastiche che hanno contenuto liquidi o solidi aggressivi, o causati dalla fermentazione biologica degli scarti alimentari o dalla presenza di composti chimici, come i tensioattivi, che possono impregnare il polipropilene. Le fasi di lavaggio, anche molto accurate, generalmente possono ridurre l’impatto odorifero ma difficilmente sono risolutive del problema. Essendo la presenza dell’odore nelle plastiche riciclate da post consumo sgradevole per i prodotti finali, e non essendoci, ad oggi, un sistema di asportazione definitiva, si rende necessario dover separare i flussi di rifiuto in entrata, attraverso una verifica analitica, tra quelli che risultano contaminati da composti chimici sgradevoli. Questa operazione viene svolta velocemente, in modo preciso ed analitico, con un test sul campione di rifiuto in ingresso, impiegando la gascromatografia a mobilità ionica, che consiste nell’inserimento all’interno di una provetta di un piccolo frammento di rifiuto plastico, caricandolo poi nella macchina da laboratorio che ci darà la curva dei composti chimici odoriferi presenti nel rifiuto campionato. Così facendo, senza ombra di dubbio, avremo la piena conoscenza di quali odori e di quale intensità sarà composto il nostro granulo che andremo a produrre.

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Cosa è il Cartone OCC e come Viene Riciclato
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Cosa è il Cartone OCC e come Viene Riciclato
Informazioni Tecniche

Cosa è il Cartone OCC e come Viene Riciclatodi Marco ArezioSembra una strana sigla, OCC, ma gli addetti ai lavori classificano come OCC un cartone ondulato adatto alla formazione di scatole e imballi, in cui le pareti hanno il compito di proteggere la merce all’interno e assumere un comportamento resistente durante la movimentazione e il trasporto.Di solito è costituito da due fogli di carta piana che racchiude uno strato ondulato leggero che, in virtù della forma a volta, conferisce al sandwich una buona resistenza. Il cartone ondulato, o OCC, è un elemento molto diffuso nel settore del packaging ed è anche un prodotto che ha un alto grado di riciclo, infatti, secondo i dati della Corrugated Packaging Alliance, una scatola fatta da cartone ondulato, è costituita da circa il 50% ci materiale riciclato. Con l’incremento delle micro spedizioni ad opera del commercio online, la quantità di cartone ondulato nella nei rifiuti solidi domestici sta assumendo una posizione rilevante, senza dimenticarci del tradizionale mercato della distribuzione e dell’industria. I cartoni OCC possono essere riutilizzati o riciclati creando una filiera di circolarità che migliora l’ambiente e la nostra vita. Tra i vantaggi del riutilizzo del prodotto, possiamo annoverare il risparmio di acqua che usa la cartiera per creare la nuova pasta di carta, quindi dell’energia per il processo che crea CO2 e altri inquinanti come lo zolfo o le sostanze chimiche organiche volatili. Nell’ambito del riciclo del cartone OCC possiamo ricordare la riduzione dell’uso del legname vergine che serve per produrre le fibre naturali per la carta. Per fare una tonnellata di cartone vergine occorrono tre tonnellate di alberi, il che fa pensare all’importanza del riuso e del riciclo del cartone. Per quanto riguarda l’OCC che viene avviato al riciclo presso le cartiere, attraverso i centri di raccolta, è importante che chi conferisce il cartone da riciclare abbia l’accortezza asportare materiali differenti presenti sulle scatole o nelle scatole, che ne comprometterebbero il riciclo o ne inquinerebbero il processo. Il cartone ondulato dovrà essere appiattito ed imballato per costituire balle uniformi in modo da ridurne il volume per minimizzare il costo e l’impatto ambientale della movimentazione verso i centri di riciclo. Dopo la trasformazione dell’OCC all’interno delle cartiere, le fibre riciclate verranno riutilizzate, nelle percentuali più idonee, miscelate con le fibre vergini in base alla tipologie di imballo da realizzare, per creare nuovi imballi in carta e cartone.Categoria: notizie - tecnica - carta - riciclo - cartone OCC Vedi maggiori informazioni sul riciclo

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - Come Utilizzare al Meglio il Portale del Riciclo rMIX
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare Come Utilizzare al Meglio il Portale del Riciclo rMIX
Notizie Brevi

Un motore di ricerca nel campo del riciclo e dell’economia circolare che ti aiuta a lavorareIl portale del riciclo rMIX è uno strumento di lavoro pensato come un motore di ricerca, che opera nella nicchia di mercato del riciclo e dell’economia circolare, aiutando gli operatori del settore a trovare risposte veloci alle loro necessità, senza perdere tempo sui portali generalisti. Il portale del riciclo rMIX tratta la maggior parte delle tipologie di prodotti e servizi presenti nel campo dell’economia circolare che possiamo qui elencare: • polimeri riciclati, nelle varie forme (granuli, macinati, densificati o balle) • carta riciclatavetro riciclatolegno riciclatometalli riciclati (ferrosi e non ferrosi) • tessuti riciclatiRAEEmateriali edili riciclatimacchine industriali e stampiprodotti plastici riciclaticonsulenza e la distribuzione dei prodottiricerca e l'offerta di lavorolavoro conto terzi Cosa trovi nel portale del riciclo rMIX Il portale è costituito dalle macro famiglie di attività, sopra elencate, che contengono le offerte/richieste liberamente caricate dagli abbonati, o da informazioni su prodotti e servizi relativi ad aziende primarie del settore o da noi conosciute direttamente, che vengono inserite dalla redazione. Attraverso le macro famiglie, con una scelta guidata, si possono ulteriormente selezionare le sottofamiglie per creare la più idonea scrematura del prodotto, servizio, tipologia, caratteristica e paese che si desidera. Con pochi clic si riesce a trovare, tra le migliaia di posts presenti, quello che si sta cercando, avendo alla fine una scheda del prodotto o servizio e i contatti con l’azienda che li fornisce, tutto questo in quattro lingue. Se non hai trovato quello che stavi cercando puoi, a tua volta, inserire una richiesta di un prodotto o servizio, in modo che il mercato ti possa contattare e proporre ciò di cui avevi bisogno. Come funziona il portale del riciclo rMIX La consultazione alle schede presenti sul portale è libera a chiunque, ma se vuoi postare offerte o richieste o contattare un’azienda o un professionista devi abbonarti. Ci sono varie tipologie di abbonamenti: rMIX Zero è l’abbonamento gratuito che ti permette di inserire la tua offerta/richiesta gratuitamente e in modo anonimo. Pubblicando l’offerta/richiesta, dal modulo che troverai nella Home Page del portale o attraverso il pulsante rosso “Pubblica la tua offerta” presente in ogni post, sarai automaticamente iscritto, senza nessun vincolo o spesa, a rMIX Zero. • rMIX Base è l’abbonamento che ti permettere, per un anno, di postare le tue offerte/richieste con i tuoi dati aziendali visibili a chiunque acceda al portale, anche ai non abbonati, aumentando la visibilità e la possibilità di essere contattato da mercato. • rMIX Base on Top è l’abbonamento che, abbinato a rMIX Base, ti mantiene in alto, nella prima pagina delle offerte/richieste del portale e della famiglia che hai scelto per il tuo post. • rMIX Power è l’abbonamento che ti permette, per un anno, di accedere alle migliaia di schede cliente-prodotto, presenti sul portale, e ai relativi contatti aziendali. Per vedere i contatti dei clienti dei posts anonimi, basta cliccare sul pulsante "Contatta l'azienda", presente in ogni scheda e inserire le tue credenziali usate per abbonarti. Un facile e veloce modo di avere accesso direttamente a fornitori e clienti.• rMIX Turbo è l’abbonamento completo che ti permette sia di inserire annunci con i tuoi dati aziendali visibili a tutti e sia di accedere a tutti i contatti dei clienti presenti nelle migliaia di scede del portale. E’, quindi, l’unione tra rMIX Base e Turbo. • rNEWS è l’abbonamento, valido per un anno, che ti permettere, attraverso le tue credenziali di registrazione al portale, di leggere le centinaia di articoli, riservati agli abbonati, che si trattano di ambiente, economia circolare, informazioni tecniche, lavoro e slow life. L’articolo avrà una presentazione visibile a tutti, ma se vorrai leggerlo integralmente dovrai cliccare sul pulsante “Abbonati a rNEWS per leggere l’articolo completo”, presente nel fondo della pagina, inserendo poi le tue credenziali di iscrizione al portale per continuare a leggere comodamente. Come promuovere i tuoi prodotti e servizi sul portale Per migliorare la tua visibilità sul portale o, direttamente verso i clienti presenti nel mondo, ci sono molte soluzioni a tua disposizione: •   banner sulla home page del portale collegato al tuo sito internet. Inserendo il tuo banner hai la possibilità di essere contattato da chiunque acceda al portale del riciclo da qualsiasi parte del mondo. Un’opportunità di entrare in contatto con clienti e fornitori. Chiedi alla redazione un preventivo. • banner sulla newsletter settimanale (Flash newsletter). Il portale spedisce ogni settimana, a circa 12.000 utenti registrati, una Newsletter con alcuni prodotti entrati recentemente nella piattaforma. C’è la possibilità di inserire il banner della tua azienda, direttamente collegato al tuo sito internet, o un prodotto che hai inserito sul portale e vuoi promuoverlo. Chiedi alla redazione un preventivo. • newsletter settimanale personalizzata dedicata interamente alla tua azienda in cui potrai raccontare in modo prolungato della tua attività, di un progetto particolare, di una novità aziendale o commerciale. Chiedi alla redazione un preventivo. Per ulteriori informazioni scrivi alla redazione.

SCOPRI DI PIU'
https://www.rmix.it/ - I Polimeri Riciclati nei Composti WPC Plastica - Legno
rMIX: Il Portale del Riciclo nell'Economia Circolare I Polimeri Riciclati nei Composti WPC Plastica - Legno
Informazioni Tecniche

La componente di resina polimerica proveniente dalla raccolta differenziata per i prodotti in WPC plastica - legnodi Marco ArezioIl WPC, caratterizzato come un composto legno-polimero, nasce in Italia negli anni ‘60 del secolo scorso ad opera dei fratelli Covema che iniziarono la sperimentazione di miscele fatte con fibra o farina di legno con polimeri e additivi. Oggi la produzione di WPC è una realtà mondiale e l’uso dei pavimenti e dei rivestimenti, non solo nel settore edile, ha raggiunto un apprezzabile mercato in virtù delle doti espresse da questo composto. La produzione avviene, nella maggior parte dei casi, attraverso l’estrusione dei materiali selezionati in impianti che possono utilizzare monoviti o biviti con profili differenti. Il vantaggio dell’utilizzo degli estrusori bivite è espresso dalla maggiore capacità dell’impianto di lavorazione della massa in termini di miscelazione ed uniformità di lavorazione del materiale senza degradarlo. Le ricette che compongono il futuro elemento in WPC dipendono fortemente dalla macchina che si utilizza per l’estrusione (o lo stampaggio), dalla finitura del materiale che si vuole ottenere e dalle caratteristiche di durabilità ed impermeabilità del prodotto in funzione della sua collocazione finale. In linea generale si può dire che la quota in percentuale dei composti legnosi può variare dal 40 al 60% della ricetta e che i componenti polimerici, considerando un 5% medio come gli additivi come i coloranti, gli agenti di accoppiamento, gli stabilizzanti UV, gli agenti espandenti, gli agenti schiumogeni e i lubrificanti, pesano per la parte rimanente. La maggior parte della produzione mondiale di WPC utilizza il polietilene come legante polimerico in virtù della compatibilità nelle temperature di fusione delle due masse che compongono la miscela e per la facile reperibilità di materia prima riciclata sul mercato. Il polietilene riciclato utilizzato può essere in HDPE o in LDPE, vediamo le differenze: L’HDPE è uno scarto che proviene dalla raccolta differenziata sotto forma di flaconi per il detersivo, shampoo, creme, bottiglie del latte e altri imballi di largo consumo che vengono raccolti dalle nostre case, selezionati in impianti automatici che ne leggono la natura chimica (densità del materiale), macinati in scaglie piccole, lavati in impianti industriali, selezionati per colore, se necessario, attraverso macchine a lettura ottica e successivamente estrusi per creare una materia prima sotto forma di granulo. L’HDPE è un prodotto stabile, pulito, monocomponente con solo piccole tracce di PP all’interno (tappi), prestandosi egregiamente all’azione di estrusione tipica del WPC. Si trova in abbondanza sul mercato in quei paesi in cui la raccolta differenziata è efficiente. • L’LDPE è uno scarto che proviene dalla raccolta differenziata dei film plastici che provengono dai rifiuti domestici ed industriali che per loro natura di utilizzo sono meno selezionabili, in termini di mono-plastiche rispetto all’HDPE. Possono essere di diversa provenienza e quindi di diversa qualità: Film agricolo viene raccolto normalmente con una certa percentuale di residui sabbiosi che devono essere eliminati, non sempre totalmente però, attraverso un accurato lavaggio. Il film, durante la sua  vita subisce una degradazione dal sole che è da considerare quando si scelgono gli additivi della      ricetta del WPC che dovranno compensare questo deficit.  Film industriale o di primo uso sono quei materiali che vengono raccolti dagli scarti degli imballi    delle aziende o dalle catene distributive e che rappresentano normalmente films puliti mai riciclati. La    qualità di questo rifiuto è tra le migliori da utilizzare per il riciclo.  Film derivante dalla raccolta differenziata che hanno contenuto rifiuti organici o altri contaminanti sia solidi che oleosi, il cui riciclo meccanico riduce in modo importante i componenti diversi dall’LDPE, ma non riesce ad eliminare completamente queste sostanze. • Il Polipropilene e un materiale che può derivare dalla raccolta differenziata sotto forma di scarti rigidi o sotto forma di film da imballo. La selezione meccanica restituisce una materia prima di buon livello che può presentare anche una certa percentuale di PE all’interno. Il PP è un materiale economico e duttile nella produzione del WPC. • Il PVC sotto forma di scarto può derivare dalla filiera industriale, quindi come scarto di lavorazione primaria sia sotto forma di raccolta differenziata come lo scarto di tubi, profili finestre, imballi, tessere e alto materiale da selezionare. Lo scarto post industriale è sicuramente il migliore in termini di pulizia da inquinanti e resa finale ma ha un costo elevato e una quantità reperibile sul mercato limitata. Il vantaggio dell’uso del PVC come legante polimerico è la stabilità dimensionale dei pezzi prodotti e la levigabilità. La funzione dei polimeri riciclati e degli additivi di protezione all’interno della miscela di legno creano numerosi vantaggi al prodotto finale.ImpermeabilitàImputrescenzaResistente ai raggi U.V.+Ottima lavorabilità a freddoBuona resistenza a flessioneOttimo mantenimento del coloreRiciclabilità nel settore del WPCResistenza all’azione corrosiva dell’acqua marinaAssenza di manutenzione superficialeCategoria: notizie - tecnica - plastica - riciclo - WPC - legno Maggiori informazioni sui polimeri

SCOPRI DI PIU'
763 risultati
1 ... 9 10 11 12 13 ... 43

CONTATTACI

Copyright © 2024 - Privacy Policy - Cookie Policy | Tailor made by plastica riciclata da post consumoeWeb

plastica riciclata da post consumo